Alcool e droga il mix letale che causa incidenti sulle strade della Marca. Ad abusarne ovviamente i giovani.

Alcool e droga il mix letale che causa incidenti sulle strade della Marca. Ad abusarne ovviamente i giovani.

- in Le ultime
55
0
cà foncello

A gennaio si tracciano i bilanci dell'anno precedente. E anche la Polstrada fa il bilancio dei controlli effettuati sulla strada. Un dato inquietante quello che emerge dalle statistiche trevigiane è relativo agli incidenti del sabato sera sulle strade della Marca. Spesso a causarli sono dei mix letali tra alcool e droghe.

Nel 2017 sono stati effettuati 11 posti di controllo con l’impiego di 85 agenti e 22 tra medici e infermieri della polizia di Stato. Gli autisti controllati sono stati 684 e, di questi, solo l’1,32 per cento è risultato positivo all’alcol. Dei 684 autisti, 87 sono stati sottoposti anche al prelievo salivare per verificare l’eventuale uso di sostanze stupefacenti. Di questi, 20 sono risultati positivi al precursore, la metà dei quali sono risultati effettivamente assuntori di sostanze stupefacenti come poi confermato dagli esami del sangue.

Nel 2017 gli agenti della Polstrada di Treviso hanno effettuato 4.559 servizi di pattugliamento durante i quali sono stati controllati 46.964 veicoli e 50.924 persone, contestando 12.854 infrazioni al Codice della Strada. Sono state complessivamente ritirate 562 patenti di guida e 323 carte di circolazione che hanno comportato la decurtazione di 20.700 punti. Più in specifico, sono state contestate 708 multe per velocità pericolosa, 130 per eccesso di velocità, 1.214 per mancato uso delle cinture di sicurezza (più del 16 per cento rispetto al 2016), 613 per uso scorretto del telefono alla guida, 308 per guida in stato d’ebbrezza, 23 per guida sotto l’effetto di droghe, 146 per guida di un veicolo senza copertura assicurativa (10 per cento in più rispetto all’anno precedente).

Facebook Comments

You may also like

Sanità Regione Veneto. Sulle liste d’attesa il presidente Luca Zaia attiva una ispezione regionale “severa e rigorosa”.

Il Presidente della Regione ha dato mandato al