COLLINE DEL PROSECCO PATRIMONIO DELL’UNESCO. ITER A SINGHIOZZO

COLLINE DEL PROSECCO PATRIMONIO DELL’UNESCO. ITER A SINGHIOZZO

- in Economia, Le ultime
182
0
calici

Continua l'iter per l'attribuzione dello status di Patrimonio dell'Unesco per le colline del prosecco, tra Valdobbiadene e Conegliano. Ma alcuni docenti esperti in materia raffreddano gli entusiasmi.  «L’ammissione avviene anche per dinamiche politiche. E ora l’Italia è debole», dicono. E sottolineano come, il territorio del Prosecco non possa essere inserito a breve tra i siti considerati patrimonio dell'umanità.

E' il pensiero appunto di un economista e di uno storico assieme che parlano di immobilismo politico in Italia. Un percorso di qualità verso l’Unesco”, deve accompagnarsi a una spinta continua di cambiamento e dinamismo. Se in alternativa diventa una specie di suggello a una realtà che resta ferma, il rischio è di ingessare un’area che deve evolversi per competere su scala globale. L’ammissione al percorso Unesco non avviene solo per motivi di merito, ma è legata a complesse dinamiche geopolitiche, e in questo momento l’Italia è in una posizione debole. Ora la parola passa all'innovare. Deve essere questa la parola d'ordine. Il 2018 sarà l’anno europeo del patrimonio culturale e anche Unesco non punterà sulla celebrazione, ma su innovazione e capacità di lavorare sul patrimonio locale come strumento di trasformazione. I territori cambiano ed evolvono. Così come sono cambiati quelli da Valdobbiadene a Conegliano, diventati terra di prosecco, e ora devono cambiare ulteriormente passo. Lo sforzo da compiere è quello di trasformare le esperienze passate in una premessa per un nuovo modo di guardare ai nostri prodotti, al territorio e alla qualità della vita di chi ci vive.

Facebook Comments

You may also like

Il nostro Focus in questa settimana ci parla del Radicchio Rosso di Treviso. Le interviste sulla pagina Facebook.

Il fiore d'inverno, il re spadone, il fiore