Del Piero, Bebe Vio e Tania Cagnotto star a Conegliano

Del Piero, Bebe Vio e Tania Cagnotto star a Conegliano

- in Le ultime, Sport
619
0
del-piero-ballando-2

E' stata un successo clamoroso, come prevedibile. Ieri sera la Notte dei Campioni che ha illuminato la Zoppas Arena di Conegliano ha visto oltre 3.000 spettatori accorrere all'evento, mentre una co-presentatrice d'eccezione, Bebe Vio, conduceva una sorta di talk show in cui il protagonista indiscusso è stato l'attesissimo Alessandro Del Piero.

Assieme a lui altri big dello sport nazionale e mondiale come Lorenzo Lollo Bernardi, il Mr. Secolo della pallavolo e stella fra le stelle ai tempi dell'invincibile Sisley Volley, l'oro olimpico della ginnastica Igor Cassina, e poi Tania Cagnotto: applauditissima, l'ex azzurra era fresca di ritiro dopo una carriera nel mondo dei trampolini che l'ha consegnata alla storia come più grande e vincente tuffatrice italiana di tutti i tempi.

  • Iscriviti al Social TG+
    Iscriviti al Social TG+
    Iscriviti al Social TG+

Alessandro Del Piero tornava nella città dov'è calcisticamente nato dopo ben 11 anni: "Quando torni a casa tutto ti riporta all'infanzia, ad una pace familiare, è sempre tornare a casa da mia mamma".

Così ha esordito l'ex simbolo della Nazionale Italiana e della Juventus, che si è soffermato, naturalmente, anche sull'imminente finale di Champions League che vedrà la sua ex squadra opposta al Real Madrid: "Penso che la Juve abbia tutte le qualità per poter vincere o almenogiocarsela alla pari con il Real, hanno due forze diverse e sarà interessante vedere quale delle due vincerà."

Chiusura dedicata all'addio al calcio di Francesco Totti, eterno amico e rivale: "La sua testa penso sarà come lo è stata per me per diverso tempo: una centrifuga di emozioni e ricordi, di presente, di possibili futuri da analizzare, è un momento talmente forte che è impossibile dargli un consiglio, se non calmare le acque e cercare di rilassarsi."

Facebook Comments

You may also like

social TG+ 19 gennaio ed. sera

Zaia solidale col capotreno – ma il nigeriano