Ecco come fanno i ladri a rubare nelle nostre case

Ecco come fanno i ladri a rubare nelle nostre case

- in Casa e fai da te, Le ultime
437
0
Ladri

In un periodo come questo, con una sensazione sempre più bassa di sicurezza, ti sarai chiesto anche tu quali possono essere i metodi migliori per prevenire gli accessi non autorizzati in casa tua. Probabilmente hai pensato a qualche sistema per cercare di rendere la vita complicata ai ladri. Per aiutarti a capire se questi metodi sono validi abbiamo chiesto all’Ing. Rui, titolare di Secur System e promotore della campagna IO NON POSSO ENTRARE, incentrata sulla sensibilizzazione alla sicurezza nelle abitazioni, come fanno i ladri a rubare in casa nostra e quali sono i metodi di accesso più comuni ed utilizzati.

flyerA6_securesystem-4La chiave bulgara

E’ convinzione di molti che la porta blindata sia una barriera sufficiente per proteggere la propria abitazione. Purtroppo non è così. Esiste infatti un passepartout della microcriminalità che prende il nome di Chiave bulgara. Nato ai tempi della Guerra Fredda ed ideato dai servizi segreti bulgari, permette di aprire anche le porte blindate con serratura a doppia mappa (quelle con la fessura orizzontale) senza scasso. Il procedimento è di semplice attuazione: viene inserita una chiave “morbida” in grado di leggere i codici della serratura, questa permette in un secondo momento con un tornio, di realizzare una chiave master perfetta al millimetro che potrà essere utilizzata per entrare nell’abitazione in qualsiasi momento.

Il cane da guardia confuso

Molti pensano che il cane da guardia abbia la stessa funzione di un allarme: al minimo rumore comincerà ad abbaiare e a fare il diavolo a quattro. Nella realtà non è così semplice. I ladri più evoluti utilizzano tecniche di mascheramento dei propri odori e suoni. Questo perché un cane ci riconosce come minaccia in base al fatto che il nostro odore e il rumore dei nostri passi sono quelli di un umano sconosciuto. Gli odori con cui impregnano i loro abiti sono quelli di altri cani ed in alcuni casi animali selvatici.

Il furto mascherato

I sistemi di antifurto di bassa qualità utilizzano il più delle volte una tecnologia molto semplice per rilevare la presenza ed il movimento. Questi dispositivi possono essere oscurati quando l’impianto è spento utilizzando una semplice lacca spray. Quando l’impianto sarà attivo il sensore sarà accecato e non potrà rilevare l’intruso. Ma questo il padrone di casa non lo potrà sapere.

Spie insospettabili dentro casa

Per i ladri è fondamentale avere il maggior numero possibile di informazioni sui padroni di casa: abitudini, orari, oggetti tenuti in casa sono fondamentali per la buona riuscita del furto. Ci sono svariati modi per carpire questi dati, spesso utilizzano una vera e propria rete di informatori composta da persone che lavorano nelle case; colf, badanti, operai ecc. diventano vere e propie spie pagate in base alla qualità delle segnalazioni.

Il consiglio è di proteggere la tua abitazione con sistemi efficaci studiati ad hoc per le tue esigenze. E’ buona regola affidarsi ad un esperto che possa consigliarti sugli aspetti fondamentali per vivere in una casa sicura e che sia in grado di pensare e fornirti il sistema antiintrusione più adatto a te. Esistono enti che certificano le aziende di installatori professionisti di sicurezza, come l’Aips (www.aips.it)

Facebook Comments

You may also like

BII ONLUS alla Biblioteca Civica di Mestre

Se il libro ha una valenza per la