Protesta dei sindaci. Appello al prefetto per la sistemazione equa dei profughi

Protesta dei sindaci. Appello al prefetto per la sistemazione equa dei profughi

- in Cronaca, Le ultime
292
0
EditorialeProfughi

Sono tre i comuni nei quali in questo 2016 ci sarà una maggiore concentrazione di profughi in arrivo nella Marca: Treviso, Onè di Fonte e Vittorio Veneto.

E considerando che il capoluogo accoglierà 618 persone, Onè 228 e Vittorio Veneto 133 mentre i comuni subito successivi nella classifica (Istrana, Roncade, Conegliano, ecc.) non superano le 40 unità, non c’è da stupirsi se i sindaci fanno notare al prefetto l’ingiusta distribuzione dei profughi in tutta la provincia.

E’ quello che è successo in questi giorni, tenendo in considerazione che, ad oggi, sulla carta la somma totale dei profughi che potranno essere ospitati è pari a 1.329 persone e la quota ministeriale provinciale per quest’anno è pari a 1.865.

Attualmente infatti tra l’ex caserma Serena, l’ex caserma Zanusso ed altri posti di accoglienza non permettono fisicamente di superare la soglia dei 1.350 posti.

I comuni hanno così deciso di aderire ai bandi Sprar per cercare di arginare il problema che comunque rimane: 500 persone rischiano di rimanere senza un posto dove stare.

E così partono le accese proteste di alcuni dei sindaci impegnati ad accogliere gli extracomunitari: “C’è chi ha dato e continua a dare, e chi invece non fa nulla - esordisce Roberto Tonon, sindaco di VIttorio Veneto - è tempo che si imponga l’onere dell’accoglienza a chi pensa sempre di far ricadere su altri un’emergenza che riguarda tutti”.

Sulla scia prosegue anche il sindaco di Casier Miriam Giuriati: “Arrivano nuovi profughi e ne arriveranno anche di più, e mi auguro che l’ospitalità venga imposta a chi fino ad oggi si è rifiutato di collaborare […], mi aspetto che il problema della localizzazione dei nuovi arrivi venga gestito direttamente dal prefetto puntando ai comuni che non hanno dato la nostra disponibilità”.

Non da meno è il sindaco di Treviso Manildo che conferma il disagio dei colleghi sindaci: “E’ necessario lavorare per un’accoglienza diffusa”.

Una bella gatta da pelare per il prefetto di Treviso Laura Lega che ora ha l’onere di trovare altri 500 posti che mancano all’appello oltre a cercare di accontentare le richieste ed esigenze dei sindaci che oggi si trovano in difficoltà per la scarsa distribuzione dei posti in tutta la provincia.

Matteo Venturini

EditorialeProfughi

Facebook Comments

You may also like

Referendum separatista a Mestre, manifesto per il doppio si

Si è fatto sentire ieri il Movimento Autonomia