Tangenti: la difesa dei sindaci

Tangenti: la difesa dei sindaci

- in Cronaca, Le ultime
125
0
TangentiTerme2_thmb

TantegentiTerme2Non hanno alcuna intenzione di dimettersi Luca Claudio e Massimo Bordin, i sindaci di Abano e Montegrotto finiti nella bufera nell'ambito dell'inchiesta sulle presunte tangenti legate al verde pubblico. Indagati per presunta concussione e corruzione, e Bordin anche per turbativa d'asta, hanno convocato una conferenza stampa per ribadire di essere totalmente estranei ai fatti. Claudio ha parlato di una macchinazione ben orchestrata, di persecuzione dei finanzieri e di giustizia ad orologeria. "Quando sarà fatta chiarezza su questa vicenda - ha annunciato Bordin - chiederò i danni e un risarcimento per il danno d'immagine che mi è costata". Nessuno dei due ha intenzione di rinunciare alla poltrona da sindaco. "Andremo avanti con i nostri mandati - hanno detto - con questa vicenda non abbiamo nulla a che fare e le indagini lo dimostreranno".

L'indagine, coordinata dal pubblico ministero Federica Baccaglini e legata agli appalti del verde pubblico, sarebbe scattata grazie alle denunce di alcuni imprenditori, stanchi di pagare per ottenere i lavori. In manette è finito l'assessore all'Ambiente di Montegrotto, Ivano Marcolongo, fermato in flagranza di reato, mentre ritirava una presunta tangente da mille euro. Blitz delle Fiamme Gialle nei municipi di Montegrotto e Abano e nelle abitazioni dei due sindaci per sequestrare documenti utili alle indagini.

About the author

Facebook Comments

Leave a Reply

You may also like

OFFI-CINE Veneto sulle ali del Leone

Alla 73° MOSTRA DEL CINEMA OFFI-CINE veneto ha