Tiziano Ferro, primo live negli stadi

Tiziano Ferro, primo live negli stadi

- in Eventi, Le ultime
390
0
TizianoFerro_thmb

TizianoFerro2Ne ha fatta di strada il giovane cantante di Latina. Il suo primo incontro con la musica risale ad una tastiera giocattolo che riceve per Natale, il resto ormai è storia nota. Una maturità che quest’anno lo vede protagonista per la prima volta, tra giugno e luglio, con una serie di concerti negli stadi con la tournée Lo Stadio Tour 2015 composto da otto date e che partirà il 20 giugno 2015 da Torino, per poi toccare Firenze, Roma (doppia data), Bologna, Milano (doppia data) e Verona, allo stadio Bentegodi domani, 8 luglio.

Dalle sue esperienze nascono le sue canzoni più belle, costruite pezzo per pezzo negli anni, in continuo viaggio tra le città e gli aeroporti del mondo, in un intreccio di emozioni e momenti di vita vissuta. Il segreto del successo di Tiziano Ferro probabilmente sta nella tenacia con la quale ha portato avanti i suoi sogni, che lo hanno trasformato da semplice appassionato di musica a uno degli artisti italiani più apprezzati nel nostro paese e nel mondo.TizianoFerro1

La svolta avviene nel 2001, quando, dopo alcuni rifiuti da parte delle case discografiche, i produttori Albero Salerno e Mara Maionchi, riescono non senza difficoltà, a convincere la casa di produzione EMI a produrre la musica di Tiziano. In un primo momento la critica nei suoi confronti è feroce, ma il pubblico ha una reazione opposta. Sembra che riesca a capire le non poche novità introdotte dal cantante, che mischia le sonorità rhythm and blues tipiche della musica d’oltreoceano a testi più profondi, permeati di significati.

Un successo che lo ha portato in tempi più recenti a pubblicare la sua prima raccolta, intitolata TZN - The Best of Tiziano Ferro e costituita dai suoi più grandi successi del passato più sedici brani inediti, contenente tra gli altri Senza scappare mai più e Incanto. Quest’ultima, secondo il cantante, è una canzone che celebra l’amore vero, quello fatto di quotidianità, difetti reciproci ma anche stupore. Una visione della vita e dell’amore da cantare a squarciagola negli stadi, in un rito collettivo che si rinnova ad ogni estate.

Linda Tognin

About the author

Facebook Comments

You may also like

OFFI-CINE Veneto sulle ali del Leone

Alla 73° MOSTRA DEL CINEMA OFFI-CINE veneto ha