UN GIORNALE PER UN CAFFE’

UN GIORNALE PER UN CAFFE’

- in Cronaca, Eventi, Le ultime
372
0
Locandina

Torna dopo il successo del primo sabato l'iniziativa "Un giornale per un caffè". Infatti, l’Amministrazione Comunale di Silea promuove la seconda giornata del progetto “Un giornale per un caffè” che si terrà sabato 5 dicembre 2015 dalle ore 7.00 alle 12.00, presso i bar e le pasticcerie aderenti del Comune di Silea, secondo le modalità già sperimentate sabato scorso. Novità da segnalare per questo fine settimana c’è l’adesione dell’esercizio “Loft Ristopizza” al Canton di Sant’Elena di Silea. Le altre attività finora aderenti sono: Bar Caffè “Borgonovo 2014”, Bar Gelateria “Pontello”, Bar “Genesis”, Bar “Iera Ora”, Trattoria “da Dino”, Birreria “Imbarcadero”, Cafè “Le Bon”, Caffetteria Centrale “Zanatta”, Hosteria “La Nuova Parigi”, Hotel “Titian Inn”, Osteria “da Nea”, Osteria “Dea Piassa”, Pasticceria “Arianna”, Pasticceria “Treviso”, Pizzeria “Lago Verde”, Risto Pub “Portobello”, Ristorante “da Bruno”, Ristorante “da Fernanda”. “Un giornale per un caffè” promuove l’idea di un territorio ospitale incentivando nei cittadini la fruizione degli spazi pubblici, favorendo la vita di comunità e l’interesse per i temi legati al territorio, offrendo agli esercenti la possibilità di essere autori in prima persona della rinascita dell’economia locale, vendendo Silea come il miglior luogo in cui vivere.  Il Sindaco Silvano Piazza: “Questo sabato mi aspetto un’invasione massiva a Silea di lettori di quotidiani. L’iniziativa ha già avuto un’ottima risonanza ma una tradizione è tale quando viene condivisa da tutti. Nei giorni successivi bisognerà tirare le somme e valutare l’impatto dell’idea sulla cittadinanza e sugli esercenti da cui mi aspetto che facciano sapere all’Amministrazione cosa ne pensano. Per gennaio siamo pronti a condividere il progetto su più ampia scala e con altri Comuni”.

Gian Nicola Pittalis

Locandina

Facebook Comments

You may also like

Social Tg+ 21 dicembre ed. mattino

Cronaca. Officina abusiva gestita da nigeriani a Quinto.