Una ragazza intossicata e due baristi denunciati: alcol e adolescenti

Una ragazza intossicata e due baristi denunciati: alcol e adolescenti

- in Le ultime
185
0

Vince Petaccio alcoholIl ricovero a Castelfranco, nel mese di agosto, di una quindicenne per intossicazione etilica dopo una serata a base di alcol tra amici, riporta all’attenzione il rapporto tra adolescenti e alcolici, specie qui, nella patria dello spritz. Quanto sono a rischio i nostri ragazzi? Le indicazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità sono molto chiare: sotto i 16 anni niente alcol, o si rischiano condizioni patologiche estreme, come l’alcol-dipendenza (chi inizia a bere prima corre un rischio quattro volte superiore di sviluppare dipendenza da adulti, rispetto a chi inizia a bere dopo i 21 anni) o l’intossicazione alcolica acuta. Particolare preoccupazione desta il cosiddetto “binge drinking”, ovvero il consumo di elevate quantità di alcol in un’unica occasione e in un breve arco di tempo. Il “binge drinking” è diffuso tra i giovani di 18-24 anni, ed è praticato nei contesti di divertimento collettivo, spesso con l’intento di arrivare allo “sballo”. Per quel che riguarda i giovani tra i 14 e i 17 anni, i consumi fuori pasto si attestano attorno al 15& (fonte ISTAT). È una percentuale ancora molto alta, ma la normativa viene in aiuto: la legge 189/2012 vieta, infatti, la vendita e la somministrazione di bevande alcoliche ai minorenni e obbliga i gestori a chiedere un documento di identità per accertare l’età dei clienti, «tranne i casi in cui la maggiore età dell’acquirente sia manifesta». Gli inadempienti avranno una denuncia penale e multe salate. Ma c’è di più: a Treviso, l’iniziativa “Treviso di notte, città da vivere” prevede anche ulteriori controlli dei vigili urbani fino al 31 dicembre, in particolare venerdì e sabato, fino alle 4 del mattino. I gestori che non rispettino la legge e vendano alcolici a minorenni rischiano in più la sospensione della licenza. All’iniziativa è affiancata un’ordinanza che vieta di bere alcolici nei giardini del centro e zone limitrofe, in particolare a Porta Altinia, in piazzetta Sant’Andrea, in viale Tasso, nel parco di villa Manfrin e villa Margherita, nei giardini di via Dalmazia e in piazza Vittoria. Il divieto, valido almeno fino al 30 settembre, include il possesso, in quei luoghi, di bottiglie chiuse. (Mariangela Montelli)

About the author

Facebook Comments

Leave a Reply

You may also like

I benefici dell’allenamento integrato

  Pubbliredazionale Stretching Energetico dei Meridiani e Nordic