IL VINO E’ L’ORO NERO DEL VENETO. IL PROSECCO SEMPRE PIU’ LEADER

IL VINO E’ L’ORO NERO DEL VENETO. IL PROSECCO SEMPRE PIU’ LEADER

- in Economia, Le ultime
194
0
calici

Veneto Agricoltura da i numeri. E parla dell'andamento dei vari settori afferenti al mondo agricolo nella prima parte di stagione 2017. L'agricoltura veneta in particolare diventa sempre più forte nel settore delle uve, del vino e della vendemmia. Il vino traina il fatturato veneto (stabile a 5,7 mld), non va bene purtroppo il latte e la zootecnia. Ma nell'agricoltura in generale gli occupati sono in crescita del 16%.

È sempre il vino, e in primis il Prosecco in piena età dell’oro, a trainare dell’agricoltura veneta. Se il fatturato 2016 del settore primario ha mantenuto le posizioni a quota 5,7 miliardi di euro, con un incremento dello 0,3%, il merito va soprattutto alla vendemmia abbondante e al complessivo aumento dei prezzi delle uve (+5%). Perdono purtroppo terreno gli allevamenti, con prezzi in calo per gli avicoli e il latte, anche se quest’ultimo registra una ripresa nei primi mesi del 2017.

Dietro alla sostanziale stabilità del valore complessivo, per l’agricoltura la situazione è più complessa di quel che sembra, condizionata da una parte dal meteo e dall’altra dalle dinamiche di mercato ormai globali. Per Veneto Agricoltura continua il calo in valore assoluto, -1,3% con un totale di 64.108 aziende, mentre cresce di oltre il 16 per cento il numero degli occupati, a quota 72.627 addetti. A chiudere sono soprattutto le ditte individuali condotte da anziani mentre aumentano le società di persone e di capitali. Un segno di vitalità di un settore che sta evolvendo, anche dal punto di vista occupazionale.

L’aumento delle esportazioni, +7% per un valore complessivo di 6,3 miliardi di euro, contribuisce dimezzare il deficit della bilancia commerciale, pari a 215 milioni di euro. Anno dopo anno il divario fra import ed export continua a diminuire grazie alle vendite di vino, che da solo valgono oltre 2 miliardi di euro, anche in questo caso per merito del Prosecco, ma anche di pesce e altri prodotti. Scendendo nel dettaglio, anche nel 2016 il clima ha condizionato la produzione, specie di cereali e ortaggi.

Penalizzati il frumento duro e l’orzo, che hanno registrato performance inferiori agli standard, meglio invece il mais, la soia e la barbabietola da zucchero, che hanno avuto delle buone rese. Il mais però ha visto ridursi le superfici coltivate, scese a circa 170 mila ettari. Questo perché gli agricoltori si orientano su produzioni più redditizie. Crescono invece le coltivazioni orticole (+27 mila ettari) in particolare quelle all’aperto. Aumenta ovviamente la superficie destinata a vigneti, ormai sopra gli 87 mila ettari, in cui si producono 13 milioni di quintali d’uva. Prezzi bassi e stagnazione dei consumi invece per la zootecnia, con un calo per latte e carne bovina, mentre aumenta la carne suina che vede crescere l’export per i prosciutti e gli insaccati. La produzione in crescita di carne avicola sconta però il forte calo dei prezzi. Sul fronte della pesca all’aumento di flotta e imprese fa salire il fatturato ma la produzione continua a scendere. L’Osservatorio di Veneto Agricoltura guarda anche ai primi risultati del 2017: il calo dei prezzi è una criticità da non sottovalutare un po’ per tutti i comparti, fatta eccezione per il vino.

Facebook Comments

You may also like

Il nostro Focus in questa settimana ci parla del Radicchio Rosso di Treviso. Le interviste sulla pagina Facebook.

Il fiore d'inverno, il re spadone, il fiore