Young Business Talents: 30 trevigiani in finale a Milano

Young Business Talents: 30 trevigiani in finale a Milano

- in Le ultime
72
0
Ars-et-Inventio-partner-Start-Lab-e1393364389583-770x420_c

Tra pochi giorni si terrà a Milano la finalissima del concorso nazionale Young Business Talents, giunto alla sua quarta edizione. Il concorso è nato con l’intento di far competere fra loro e di valorizzare studenti geniali di tutta Italia, che mostrino capacità eccezionali soprattutto in quelle materie su cui s’incentrerà l’impresa del domani.

Grande notizia per Treviso e in generale per l’istruzione della Marca è il successo dei nostri ragazzi: la provincia di Treviso infatti ha piazzato ben 30 giovani studenti alla finalissima Young Business Talents, risultando il secondo distretto più rappresenta d’Italia dopo la provincia di Roma (37 studenti) e davanti a quelle di Milano e Bari (14 ciascuna), Ragusa (11) e via via tutte le altre.

Le scuole superiori di Treviso rappresentate sono: l’IIS Fanno e l’ISISS Da Collo (Treviso), e l’ITT Mazzotti (Treviso).

  • Iscriviti al Social TG+
    Iscriviti al Social TG+
    Iscriviti al Social TG+

Dei 3.900 ragazzi iscrittisi al concorso, nel complesso le finali sono state raggiunte da rappresentanti di 15 regioni: Abruzzo (L’Aquila e Teramo), Campania (Avellino e Caserta), Emilia-Romagna (Bologna e Modena), Friuli-Venezia Giulia (Trieste), Lazio (Frosinone e Roma), Liguria (Savona), Lombardia (Brescia, Como, Lecco, Lodi, Milano, Monza-Brianza e Varese), Marche (Pesaro-Urbino), Piemonte (Cuneo, Novara e Torino), Puglia (Bari, Barletta-Andria-Trani, Brindisi e Lecce), Sardegna (Sassari), Sicilia (Agrigento, Messina, Palermo e Ragusa), Toscana (Siena), Trentino-Alto Adige (Trento) e Veneto (Padova, Rovigo, Treviso, Venezia e Verona).

Le squadre finaliste si divideranno un montepremi che ammonti a 11.670 euro. In particolare 15 squadre meglio classificate in ognuna delle 15 simulazioni della finale otterranno 400 euro ciascuna.

Facebook Comments

You may also like

social TG+ 18 gennaio ed. sera

Prima picchiato, poi condannato – il controllore che