“Architetture per la Comunità”: sabato il premio e la mostra fotografica

“Architetture per la Comunità”: sabato il premio e la mostra fotografica

- in Cultura, Eventi, Le ultime, Treviso
75
0
Studio Davanzo Architetti _ Scuola Prim aria “Aldo Moro” Ponte di Piave (Tv)

Da ambito di ricerca, inaugurato per la prima volta nel 2019, a mostra fotografica e archivio dedicato all'architetto Francesca Susanna. E' la magia del Premio Architettura Città di Oderzo che quest'anno ha deciso di allestire una mostra fotografica dedicata a dieci opere, fuori concorso, presentate da otto comuni che hanno partecipato alla sezione “Architetture per la Comunità”

L'ambito di ricerca – Architetture per la comunità

Nel 2019, a 22 anni della sua istituzione, il Premio si è arricchito di un nuovo ambito di ricerca che coinvolge in maniera attiva i Comuni del Triveneto. Il progetto si propone di raccogliere e dare visibilità alle opere realizzate dalla pubblica amministrazione e vissute dalla comunità.

Il Premio Oderzo torna alle sue origini, dando spazio alle architetture del vivere sociale – dichiarano gli organizzatori - Questa ricerca riaccende i riflettori sull'architettura intesa come buona pratica che i cittadini possono vivere, nelle diverse fasi della vita e della propria giornata, in sicurezza, apprezzandone al tempo stesso la vivibilità, l'innovazione e la bellezza”.

L'archivio dedicato a Francesca Susanna

Le opere pubbliche presentate nel corso dell'evento andranno a costituire la prima parte di un archivio al quale sarà possibile accedere dal nuovo sito internet del Premio. L'archivio sarà dedicato alla memoria di Francesca Susanna, architetto della Provincia di Treviso, scomparsa prematuramente l'anno scorso e per molti anni componente del Comitato Organizzativo.

Si tratta di un piccolo gesto con il quale il Premio vuole ricordare il lavoro e la dedizione dell'architetto Susanna – fa sapere Giuditta Rado del Comitato Organizzativo - ne nascerà un archivio contenente le opere, realizzate dalla pubblica amministrazione, che maggiormente si ispirano allo spirito del Premio. Il Premio Oderzo tra i suoi obiettivi si pone infatti di contribuire alla formazione della cittadinanza, aumentando la consapevolezza dell'impatto che l'architettura ha nelle trasformazioni sociali e nel determinare il plus valore, la competitività e la qualità della vita”.

La mostra fotografica

La mostra fotografica “Architetture per la comunità”, che verrà allestita al piano terra di Palazzo Foscolo, ripercorre negli scatti del fotografo Marco Zanta le architetture virtuose realizzate nei comuni di Conegliano, Ponte di Piave, San Zenone degli Ezzelini, Sona, Sovizzo, Treviso, Valdobbiadene e Villorba.

Sabato 30 novembre, alla presenza dei rappresentanti della Regione e del sindaco di Oderzo Maria Scardellato si terrà l'inaugurazione della mostra, aperta fino al 15 dicembreA partire dalle ore 10, saranno le amministrazioni a raccontare in prima persona i progetti con i quali hanno deciso di partecipare all'edizione del Premio Oderzo di quest'anno. 

Nel corso della cerimonia gli Enti organizzatori parleranno anche della prossima edizione, la XVII, e del futuro del Premio Oderzo, punto di riferimento importante nel panorama dei premi di architettura a livello regionale e nazionale.

Nella stessa giornata sarà possibile visitare, al costo ridotto di 4 euro, la mostra 'l'Anima delle Cose'Riti e corredi dalla necropoli romana di Opitergium (a Palazzo Foscolo dal 24 novembre al 31 maggio 2020). L'esposizione raccoglie oltre 50 tra i più belli e significativi corredi, rinvenuti in più di trent’anni di scavi. Sei secoli di storia, dal I al VI d.C., raccontati in un viaggio attraverso reperti inediti, alla scoperta dell’antica Opitergium e dei suoi abitanti. 

Facebook Comments

Leggi anche

Treviso Siamo Noi: 61 consorziate, nuovi progetti e un futuro roseo (anzi, biancoceleste)

Superava il centinaio di presenti la famiglia Treviso