Cancro al colon, congresso chirurgico a Conegliano

Cancro al colon, congresso chirurgico a Conegliano

- in Le ultime, Salute, Treviso
136
0
colon

Si terrà a Conegliano il prossimo 31 gennaio un Congresso a carattere nazionale sulla chirurgia del cancro del colon che coinvolgerà e radunerà i principali chirurghi dedicati all’argomento provenienti da ogni parte del territorio nazionale.

L’incontro è organizzato dall’Unità Operativa complessa dell’Ospedale di Conegliano, diretta dal dott. Maurizio Pavanello, in collaborazione con LILT, Società ERAS Italia (POIS, ERAS National Chapter Italy), SPIGC (Società Polispecialistica Italiana dei Giovani Chirurghi) ed è indirizzato a tutte le figure mediche e infermieristiche che risultano coinvolte nell’approccio multidisciplinare a questa patologia (Anestesisti, Gastroenterologi, Radiologi, Anatomopatologi, Internisti, Medici di Medicina Generale, Tecnici Radiologi, Fisioterapisti ed Infermieri).

L’incontro si aprirà con una tavola rotonda che verterà sulle problematiche della governance, delle risorse e della formazione: vi prenderanno parte il Direttore Generale dell’ULSS 2, i Presidenti delle due principali Società Scientifiche chirurgiche italiane (SIC e ACOI), Il segretario della CGIA di Mestre (Renato Mason), il Vicepresidente Nazionale degli Ordini dei Medici (Giovanni Leoni).

La giornata proseguirà poi nel confronto tra i chirurghi italiani di riferimento, con lo sviluppo delle recenti metodiche chirurgiche e tecnologiche con rappresentazioni video di interventi (laparoscopici e robotici) e svilupperà inoltre tutte le problematiche inerenti al ruolo infermieristico.

La chirurgia di Conegliano tratta circa 200 neoplasie del colon-retto all’anno, il 90% delle quali con approccio laparoscopico e protocollo ERAS  che permette di portare all’intervento il paziente nelle migliori condizioni, senza una, non piu’ necessaria, preparazione intestinale e una conseguente rapida ripresa postoperatoria e alimentazione immediata dopo qualche ora dall’uscita dalla sala operatoria. Le nuove tecnologie a disposizione, laparoscopia tridimensionale, braccio robotico per l’utilizzo della telecamera ed energie di sintesi e taglio ad ultrasuoni e radiofrequenza permettono inoltre una sicura efficacia e precisione dell’atto chirurgico.

Facebook Comments

Leggi anche

Acquistare online: pratica conveniente o pericolosa?

Fidarsi è bene, non fidarsi è meglio. L’antico