Controlli mirati anche in un giardino pubblico: sequestrata sostanza stupefacente in via Albona

 

E’ stato un fine settimana di controlli mirati alla sicurezza stradale per la Polizia Locale di Treviso. All’esito dei servizi effettuati tra sabato e domenica il bilancio è di due patenti ritirate per guida in stato di ebbrezza alcolica ed alcune violazioni ai limiti di velocità. Inoltre, è stato passato al setaccio un giardino pubblico dove un giovane è stato intercettato con una modica quantità di stupefacente.

«Si tratta di un piano mirato alla sicurezza a 360 gradi», sottolinea il comandante della Polizia Locale Andrea Gallo. «Sono ben quattro le pattuglie impiegate dalla sera di sabato fino alle 6 del mattino per contrastare fenomeni legati alla guida in stato di ebbrezza, al superamento dei limiti di velocità e al disturbo della quiete pubblica. In quest’ultimo caso siamo intervenuti nel parco pubblico di via Albona dove molti residenti da qualche tempo segnalavano la presenza di alcuni giovani che anche in orario notturno disturbavano con musica e schiamazzi la tranquillità delle persone».

Nella rete dei controlli è finita una decina di giovani, molti dei quali minorenni, fra cui un 24enne residente a Treviso in possesso di una modica quantità di marijuana trovata dall’unità cinofila. Per lui è scattata la segnalazione alla Prefettura di Treviso. Per quanto riguarda le violazioni del codice della strada, sul PUT un trentenne di Preganziol è stato intercettato quasi a 90 chilometri orari ed un residente di Silea a quasi 80 chilometri orari. I controlli sono stati estesi anche ai quartieri tra cui San Giuseppe e Sant’Angelo.

Sono due gli automobilisti fermati per guida in stato di ebbrezza alcolica: un 36enne residente a Montebelluna che guidava con un tasso alcolico di 2 g/l e un 26enne di San Biagio di Callalta con 0.71 g/l. «L’aspetto positivo è il pre-test effettuato su moltissimi conducenti fermati (oltre una trentina) ha dato esito negativo», evidenzia Gallo. «È grave invece il fatto che una persona si metta alla guida quasi ubriaca, come il soggetto intercettato con un tasso alcolemico di 2 g/l che poteva provocare incidenti anche con serie conseguenze». I controlli serali e notturni ad ampio spettro cioè finalizzati alla sicurezza stradale ed urbana proseguiranno anche nelle prossime settimane.