AD LIBITUM

AD LIBITUM

- in Regione veneto
33
Commenti disabilitati su AD LIBITUM
immfb2
Sto caricando la mappa ....

Data / Ora
Date(s) - 22/10/2016 - 11/12/2016
Tutto il giorno

Luogo
TRA Treviso ricerca arte

Categorie


 

MICHELE SPANGHERO
AD LIBITUM
A CURA DI CHIARA IANESELLI
22.10-11.12.2016
Inaugurazione venerdì 21 ore 19.30

Venerdì 21 ottobre alle ore 19.30, TRA Treviso Ricerca Arte inaugura la mostra personale Ad Libitum di Michele Spanghero, a cura di Chiara Ianeselli.

L’esposizione si inserisce nel percorso di Michele Spanghero in una dimensione evidentemente inattesa: particolare è l’attenzione posta dichiaratamente sull’essere umano e le sue strutture. Proprio la peculiarità dell’opera esposta ha spinto perché la mostra assumesse lo stesso titolo del lavoro: Ad Lib. Con questo, che costituisce l’abbreviazione della locuzione latina Ad Libitum (a volontà, a piacere), si intende non delimitare una determinata dose, quantità o possibilità di ripetizione.

Michele Spanghero, sposta improvvisamente l’attenzione sulla costruzione della vita stessa. Il titolo della mostra in particolare intende soprattutto porre delle attenzioni sulla complessa questione della respirazione assistita. Il tono che Ad Lib. assume sfiora momenti di alta tensione, assai densi di contenuti eternamente problematici. Il rapporto tra l’uomo e la macchina, spesso mero strumento del primo, assume una dimensione tragica che mostra la stretta relazione di dipendenza instauratasi.  A questa carica emessa dall’opera si contrappone un disco metallico, specchio rituale sciamanico, proveniente dalla Collezione etnografica Poggianella, che ci invita a riflettere. Lo spettatore è invitato a sostare nel mezzo di questo sottile dialogo, esattamente al centro, da cui poi muoversi. Assumere una visione netta, guardare un oggetto senza non avvertire la presenza dell’altro, risulta piuttosto difficile.Per la mostra è stato realizzato un catalogo ricco di riflessioni attorno alla costruzione dell’opera, al suo funzionamento e al suo valore.

 

 

About the author

Facebook Comments

You may also like