Le previsioni meteo della Protezione Civile. Dati allarmanti

Le previsioni meteo della Protezione Civile. Dati allarmanti

- in Cronaca, Le ultime
81
0
Il torrente Orolo vicino all'esondazione in localita' Motta poco prima di VIcenza 
ANSA / BENIIl torrente Orolo vicino all'esondazione in localita' Motta poco prima di VIcenza ANSA / BENI

Ecco i dati della Protezione Civile : Confermate le previsioni meteo. Precipitazioni estese in tutta la regione fino a questa sera. 

Il Centro Funzionale Decentrato della Protezione Civile Regionale ha emesso un
bollettino di aggiornamento della situazione in base alle evoluzioni meteo.
Come attesto, da ieri sera precipitazioni estese in tutta la Regione. La situazione
attuale vede precipitazioni in spostamento da sud-ovest a nord-est che interessano gran
parte del Veneto, anche con rovesci a tratti.
Si è alzata rispetto al previsto la quota neve che sulle Prealpi a 1700/1900 m, sulle
Dolomiti molto variabile tra i 900/1100 m delle zone più chiuse e i 1400/1600 m delle
zone più aperte.
Per quanto riguarda la situazione dei fiumi, si segnalano dei lievi incrementi nelle
sezioni montane e pedemontane di alcuni corsi d’acqua. L’incremento più significativo
si è registrato sull’Agno a Recoaro, che ha superato la prima soglia di guardia. Sul
resto dei corsi d’acqua non si sono ancora registrati incrementi, e i livelli sono in
generale in lenta diminuzione dopo la morbida di due giorni fa. Al momento non sono
stati segnalati fenomeni franosi sui versanti.
Le previsioni fino alle 15 di oggi indicano persistenza precipitazioni estese, dalla costa
alle zone pedemontane e montane da discontinue/modeste (1-5 mm/h) a
frequenti/moderate (5-10 mm/h). Quota neve sulle Prealpi stabile attorno ai 1700/1900
m, sulle Dolomiti generalmente stabile a 1400/1600 m sulle zone più aperte ed in
risalita fino a 1400/1600 m sulle zone più chiuse. I venti sulla pianura andando dalla
costa alla pedemontana continueranno ad essere da tesi e provenienti da sud-est a
moderati con tendenza a disporsi da nord-est, nelle valli deboli/moderati con direzione
variabile, in alta montagna forti / molto forti da sud-est

 

In base alle previsioni per le prossime ore si attendono ulteriori incrementi dei livelli
idrometrici nelle sezioni montane e pedemontane di quei corsi d’acqua, i cui bacini
montani saranno interessati dalle precipitazioni più significative.
Le precipitazioni previste potranno, inoltre, creare possibili locali disagi nella rete di
drenaggio urbano e in alcuni canali della rete secondaria. La saturazione dei terreni
potrà determinare l'innesco di fenomeni franosi superficiali sui versanti.

Facebook Comments

Leggi anche

21 milioni dalla Regione per salvare il commercio dei centri urbani

COMMERCIO. CONFRONTO IN CONFCOMMERCIO A PADOVA. MARCATO, “21