L’assessore Roberto Marcato entusiasta alla presentazione di “Forever: A virtual journey into the world of Dario Fo”

 

“Le sfide del mercato globale possono essere vinte solo se lo sviluppo delle aziende leader è accompagnato dall’incremento dell’intero sistema di micro, piccole e medie imprese che caratterizza il nostro apparato produttivo del “made in Veneto’. La Giunta regionale ha assegnato alle Aggregazioni di imprese un ruolo rilevante per la capacità di queste di operare in sinergia con il sistema universitario e gli organismi di ricerca: si tratta di piccoli network di imprese improntati alla flessibilità, capaci di focalizzarsi sulla realizzazione di progetti specifici come nel caso di questo straordinario FOrever: a virtual journey into the world of Dario Fo. Grazie ad esso, chiunque avrà la possibilità di avvicinarsi all’immensa opera pittorica del Premio Nobel Dario Fo, artista verso cui ho sempre nutrito un’ammirazione particolare per la sua geniale attitudine antisistema”.

Lo ha detto l’Assessore Regionale allo Sviluppo Economico ed Energia, Roberto Marcato, che ieri, presso la sede dell’Università di Padova di Palazzo del Bo, ha partecipato alla conferenza stampa di presentazione di FOrever: a virtual journey into the world of Dario Fo, un progetto di sviluppo sperimentale che mira a combinare le conoscenze della realtà virtuale e della virtualizzazione per sviluppare un prodotto artistico-culturale che nessuno ha ancora realizzato: una mostra digitale itinerante delle opere pittoriche del maestro e premio Nobel Dario Fo.

L’Assessore ha colto l’opportunità per parlare del sostegno finanziario al progetto da parte della Regione del Veneto attraverso i fondi della Programmazione Operativa Complementare alla Programmazione Comunitaria. L’iniziativa concorre all’attuazione della “Strategia regionale per la Specializzazione Intelligente – S3 Veneto”, in relazione all’ambito “Cultura e Creatività” con particolare riferimento alla priorità tecnologica di sviluppo di strumenti digitali per la valorizzazione, fruizione e promozione del sistema culturale creativo.

Erano presenti anche Jacopo Fo, attore, scrittore, regista e socio fondatore della Compagnia Teatrale Fo Rame, Luciano Gamberini, docente dell’Università degli studi di Padova e dirigente del centro di ricerca Human Inspired Technology | HIT e Andrea Grigoletto, direttore Digital Green Jobs Impresa Sociale Srl, capofila ATI che ha sviluppato il progetto. L’incontro è stato moderato dalla giornalista Claudia Chasen.

“Prima Jacopo Fo ha ringraziato la Regione del Veneto per essere stata l’unica Regione ad essersi appassionata ed aver sostenuto un’iniziativa così importante riguardante il padre Premio Nobel. Ha detto che siamo un esempio di un’Italia che funziona – ha aggiunto l’Assessore Marcato -. Per realizzare questo ambizioso progetto, sono state sviluppate le più avanzate tecniche della realtà aumentata e virtuale, necessarie per la creazione del layout emozionale e per ridare vite a molta parte del patrimonio culturale oggi non fruibile. Le tecnologie abilitanti utilizzate in questo progetto contribuiranno ad ampliare il mercato delle imprese coinvolte e la tipologia dei servizi innovativi realizzabili. In conclusione, il progetto FOrever realizza un’esperienza concreta di trasferimento tecnologico nel campo artistico delle industrie creative con approccio multi-settoriale, consentendo la costruzione di forti e nuove sinergie tra cultura e turismo grazie a tecnologie che innovano gli attuali business model. L’obiettivo di aggregare diverse imprese per fare ricerca e innovazione è il risultato delle Reti Innovative regionali e della nostra idea avanguardistica, in quanto siamo stati i primi a proporre questo modello di sviluppo del tessuto produttivo del Veneto”.