strenne a km zero
strenne a km zero

Al mercato agricolo coperto di Mestre, ma anche nei mercati agricoli settimanali, nelle botteghe e nei punti vendita aziendali  Campagna Amica  è già scattata l’operazione festività a kmzero. si potranno richiedere  pacchi natalizi personalizzati, preparati dai produttori. Gli acquisti di prodotti tipici  – spiega Coldiretti – daranno ossigeno all’agroalimentare regionale  che l’anno scorso nello stesso periodo contava in  una spesa  di 460 milioni di euro per i regali da mettere sotto l’albero”. Tra i doni preferiti c’è proprio l’enogastronomia anche per l’affermarsi di uno stile di vita attento alla riscoperta della tradizione a tavola, che si esprime con la preparazione fai da te di ricette personali per serate in casa nel rispetto dei limiti imposti dal Covid.  In questo senso – commenta Coldiretti Veneto – l’invito dell’Assessore Federico Caner rivolto a tutti i cittadini non può che essere un incoraggiamento ulteriore alle scelte legate ad un’alimentazione sana e sicura che segue i principi della stagionalità e premia il lavoro di oltre 60 mila imprese agricole venete. Va nella stessa direzione l’impegno assunto dalla Regione del Veneto di rivedere la normativa di orientamento per favorire il consumo di cibo locale nelle mense collettive predisponendo appalti pubblici che premiano la filiera corta dal produttore al consumatore contribuendo anche a sviluppare un’educazione alimentare alle nuove generazioni basata sulla distintività della produzione regionale. Per sostenere il rilancio dell’agriturismo, uno dei settori più provato dalla crisi, Coldiretti con Terranostra promuove i “buoni esperienza” per una vacanza o per un pranzo da omaggiare ad amici e famigliari per uscire e cercare evasione in luoghi sicuri e isolati dove spesso si trovano le aziende che danno accoglienza e ristorazione.  Anche questa è una formula che incontra il favore di genitori che omaggiano figli oppure nonni che vogliono ricordare i nipoti. L’idea vale anche con menù a domicilio. Le proposte degli agricoltori di Coldiretti Veneto portano il loro nome, insieme al rapporto fidelizzato con il cliente che nonostante l’emergenza sanitaria ha potuto sempre contare sulla presenza in piazza degli operatori agricoli ma anche nelle consegne a domicilio di tipicità enogastronomiche. I doni agroalimentari esprimono anche per l’affermarsi di uno stile di vita attento alla riscoperta della tradizione a tavola, con la preparazione fai da te di ricette personali per serate speciali in casa. Contenuti in sacchetti di juta, cesti intrecciati a mano, sporte naturali il meglio delle specialità regionali è accessibile per tutte le tasche e, in molti casi, permette anche di sostenere i bisognosi ai quali, gli agricoltori, hanno sempre rivolto la loro attenzione organizzando iniziative benefiche su tutto il territorio. Il disagio sociale è aumentato con un incremento del 30% di nuovi poveri – sottolinea Coldiretti Venezia – c’è chi ha perso il lavoro, piccoli commercianti o artigiani che hanno dovuto chiudere, le persone impiegate nel sommerso che non godono di particolari sussidi o aiuti pubblici e non hanno risparmi accantonati, come pure molti lavoratori a tempo determinato o con attività saltuarie che si sono fermate. Persone e famiglie che mai prima d’ora – conclude Coldiretti Venezia – hanno sperimentato condizioni di vita così problematiche tanto da dover ricorrere alle forme di solidarietà. Un occhio di riguardo sarà loro dedicato sempre dalla task force degli agricoltori di Coldiretti con iniziative costanti fino all’inizio del nuovo anno. E per i clienti affezionati del Mercato Agricolo Coperto di Mestre, sabato durante l’apertura dalle ore 8.00 alle ore 13.00 verranno consegnate in omaggio le shoppers di Campagna Amica utili per la spesa sempre in un’ottica di risparmio, riciclo e rispetto ambientale.