Nuovi paletti anti-sosta selvaggia in via Bailo

Nuovi paletti anti-sosta selvaggia in via Bailo

- in Attualità, Le ultime, Treviso
48
0
paletti

Brutte notizie per gli automobilisti che aggirano le regole dei parcheggi a Treviso. Oggi alle prime luci della mattina gli operai del Comune hanno installato alcuni paletti anti-sosta all’inizio di via Bailo , in piena ZTL e di fronte all’ingresso pedonale di Ca ‘Sugana. L’iniziativa è volta a contrastare il fenomeno della sosta selvaggia da parte di macchine che ha aderito all’area soprattutto negli orari di sospensione dell’accensione delle telecamere al varco del Ponte di San Francesco.

Da tempo i residenti lamentano un ricorso continuo degli automobilisti negli spazi antistanti la celebre Fontana dei Tre Visi : auto e furgoni si trovano spesso spazio fuori dagli stalli impedendo a volte la circolazione o l’accesso alle proprietà private in zona o intralciando il transito delle pattuglie dei Carabinieri dell’adiacente caserma di via Cornarotta. Un’era nulla vale anche per il tempo limitato di fiori e di rastrelliere di biciclette per limitare il malcostume. Ed anche nelle vicinanze via Campana e Piazza San Vito il fenomeno della sosta abusiva e selvaggia, sugli stalli di carico e scarico o fuori zona, è una piaga, tanto da attirare l’attenzione della Polizia Locale che periodicamente compila verbali di contravvenzione.

L’iniziativa del Comune sicuramente attirerà l’ira di alcuni automobilisti. Un altro problema cronico di Treviso infatti resta quello dei parcheggi regolari, con pochi stalli bianchi presi d’assalto e gli spazi a pagamento comunque insufficienti a soddisfare la domanda di posti auto. Da tempo le associazioni di categoria, Ascom in testa, chiedo la realizzazione del parco multipiano per favorire l’afflusso di visitatori nel centro storico ma attualmente i vari progetti riguardanti l’ex Camuzzi o piazza Vittoria sono rimasti a livello di mera ipotesi.

Facebook Comments

Leggi anche

Ascom, si rinnova il mandamento di Montebelluna

Una grande storia Compie 70 anni la storia