La pressoterapia (o pressomassaggio) è un trattamento utilizzato in campo medico ed estetico per contrastare la cellulite, migliorare la circolazione linfatica e venosa e per agevolare l’espulsione di tossine e scorie.

Il risultato che si ottiene è un graduale senso di benessere e di leggerezza agli arti inferiori, dal momento che questo particolare massaggio aiuta a drenare i liquidi stagnanti che determinano la ritenzione idrica.

Cos’è la pressoterapia

Una seduta di pressoterapia si esegue utilizzando degli appositi macchinari che simulano il massaggio manuale esercitando una pressione esterna graduale su tutto il corpo, principalmente sull’addome e sulle gambe.

Nel concreto, dunque, questo trattamento contribuisce a ridurre fastidiosi inestetismi quali cellulite, accumuli di adipe, gambe gonfie ed edemi localizzati e che ha finalità disintossicanti e rigeneranti.22

Come funziona

Per effettuare un trattamento di pressoterapia si devono indossare dei particolari gambali e bracciali anatomici che hanno la funzione di gonfiarsi in modo intermittente, così da creare un massaggio meccanico graduale. L’intensità esercitata, dunque, viene calibrata in base alle specifiche necessità individuali con l’obiettivo di riattivare la circolazione.

Una seduta di pressomassaggio ha una durata indicativa di 30-50 minuti ed è indicata per chi soffre di ritenzione idrica, edemi agli arti inferiori e gonfiori localizzati. Le controindicazioni sono minime, tuttavia è sconsigliata se si è affetti da patologie cardiache, insufficienza arteriosa, neoplasie o trombosi venosa profonda.