“Qwert al parco 2018”. Migliaia i ragazzi coinvolti.

“Qwert al parco 2018”. Migliaia i ragazzi coinvolti.

- in Le ultime, Treviso
143
0
Senza-titolo-1

Sabato 26 maggio si terrà l'evento conclusivo di un percorso che vedrà coinvolti migliaia di ragazzi. Parliamo di "Qwert al parco 2018". Si ritroveranno al Parco Uccio di Treviso, 450 ragazzi aderenti al social network pensato appositamente per gli adolescenti, realizzato dall’Ulss 2 Marca trevigiana. Insieme, dalle 16.00 alle 20.00, rappresenteranno il lavoro svolto attraverso performance di canto e musica dal vivo, ballo, scenografie, recitazione di sketch e di poesie o racconti e altro ancora, con espressione di creatività e promuovendo la socializzazione. Il Direttore generale, Francesco Benazzi, porterà il saluto dell’Azienda sociosanitaria.

QWERT è una rete sociale virtuale e reale pensata per i nativi digitali dall’Azienda ULSS 2 Marca Trevigiana in collaborazione con il Comune di Treviso ed il supporto del Lions Club Treviso Sile e H-Farm, focalizzata su un social network e aperta agli allievi di 25 scuole medie del territorio. In base agli sviluppi tecnologici e alle tendenze in continua evoluzione, il progetto ha sviluppato un’Applicazione Mobile: QWERT APP. Tale applicazione ha delle nuove funzionalità e sfrutta la tecnologia mobile per un sempre nuovo coinvolgimento dei ragazzi. Nel corso di 6 anni scolastici , i numeri raggiunti da Qwert sono importanti: 6.500 ragazzi iscritti, 3000 utenti regolari, 200 utenti attivi ogni giorno, 14 eventi organizzati dal vivo a Treviso, 13 Comuni coinvolti. Nel periodo 2010-2017, le scuole coinvolte sono state 21 dei comuni di Treviso (10), San Biagio di Callalta, Quinto di Treviso, Carbonera, Zero Branco, Morgano-Badoere, Silea, Istrana, Paese (2), Salgareda, Ponte di Piave. A settembre 2017 si sono unite le scuole di Villorba (2) e Povegliano e, per un totale di 25 scuole in 13 Comuni diversi. Il tutto mantenendo l’ottica di sostenibilità del progetto.

Facebook Comments

You may also like

Neoplasie urologiche, nuove tecniche all’ospedale di Conegliano

Neoplasie urologiche, l’Ospedale di Conegliano punta, grazie alla