Il municipio di San Donà di Piave (foto di archivio)

Il Consiglio comunale di San Dona’ di Piave ha approvato nella sessione di ieri sera la variazione al bilancio di previsione 2021-2023 relativa al piano delle opere pubbliche 2021-2023 e al piano biennale di forniture beni e servizi.
Nel complesso si tratta di 521.938.24 euro che l’Amministrazione impiegherà per continuare a sviluppare la San Donà di domani, con un occhio di riguardo non solo all’area di Porta Nord, per la quale è previsto un lavoro di progettazione del 1° e 2° lotto di “Cantina dei Talenti” (17 mila euro il primo e 111 il secondo), e della viabilità dell’area (30 mila euro l’importo previsto); ma anche alla sicurezza delle scuole, dei parchi, delle aree di svago e sport e della sicurezza idraulica del territorio.
«Anche in una situazione non facile stiamo continuando a investire per il futuro della Città – spiega l’assessore al Bilancio Daniele Terzariol –, applicando con attenzione l’avanzo di bilancio prodotto da questa Amministrazione».
L’Amministrazione si dimostra quindi attenta alla formazione e alla sicurezza dei giovani che a San Donà studiano, si formano, fanno sport e si divertono.
Nel concreto, con l’approvazione della variazione di bilancio approvata, si dà di fatto l’ok per l’avvio ai lavori di manutenzione straordinaria degli immobili scolastici, anche nelle aree esterne, come per la sostituzione di alcune aree gioco e l’allargamento del progetto “Scuola senza zaino”.
Investimenti importanti anche per lo sport, con la progettazione definitiva del Bike-park sull’area dell’ex-discarica (53 mila euro l’importo previsto), e la manutenzione della palestra di arrampicata e la sala pesi del Palasport.
Sul fronte sicurezza, invece, si vuole puntare a tutelare le aree verdi, oltre a farle crescere con la piantumazione di nuove piante, con l’installazione di telecamere ambientali atte a disincentivare l’abbandono di rifiuti.
Mentre per la messa in sicurezza idraulica, come previsto dal Piano delle Acque Comunale, si punterà al potenziamento di alcune reti, quali quelle della zona dei Sabbioni e di via Kennedy, dell’idrovora su canale navigabile e il collegamento di una parte di una nostra rete alla nuova idrovora.
Per farlo è stato previsto un contributo di 60 mila euro da destinare al Consorzio di Bonifica per la progettazione di interventi appositi.
«Lo sforzo a cui sottoponiamo gli uffici è grande, ma necessario per raccogliere la sfida dei prossimi anni, che con il PNRR saranno cruciali per mettere basi solide alla crescita. Ricordo che, pur essendo il nono comune veneto, siamo sottodimensionati come personale; ringrazio gli Uffici per il grande impegno che mettono quotidianamente nel lavoro» conclude il sindaco Andrea Cereser.