Sister Act e Finocchiaro, spettacoli nella Marca

Sister Act e Finocchiaro, spettacoli nella Marca

- in Costume, Eventi, Le ultime, Treviso
105
0
sister act foto
Una “sorella svitata” in musica ed il talento di una attrice davvero eccezionale. Sono le note salienti degli spettacoli marchiati AMC Eventi e Comunicazione per il febbraio 2020: il musical “SISTER ACT” e lo spettacolo teatrale “HO PERSO IL FILO”.
Iniziamo da “Sister Act”, un evento il cui titolo non avrebbe bisogno di presentazione.
Il Musical è tratto dall’omonimo film di grande successo del 1992 che consacrò Whoopi Goldberg. Venticinque gli splendidi brani musicali scritti dal premio Oscar Alan Menken, (mitico compositore statunitense autore delle più celebri colonne sonore Disney come “La Bella e la Bestia”, “La Sirenetta”, “Aladdin” e altri show tra cui “La Piccola Bottega degli Orrori” e “Newsies”), che spaziano dalle atmosfere soul, funky e disco anni ’70, alle ballate pop in puro stile Broadway, in cui si innestano cori Gospel e armonie polifoniche che Mouge porta in scena in un originale adattamento in italiano, concesso direttamente dagli autori. Su licenza ufficiale MTI, lo spettacolo è composto da 35 attori/ballerini/cantanti con orchestra dal vivo e si avvale di una nuova ed imponente scenografia.
Lo spettacolo andrà in scena in due date distinte, il 22 febbraio al Teatro di Belluno ed il 7 marzo al PalaMazzalovo di Montebelluna.
Finocchiaro manifestoGià annunciato ed ovviamente confermato l’appuntamento con “Ho perso il filo”, brillante pièce basata sulla vicenda del Labirinto per parlare di temi attuali. Lo spettacolo, in programma sabato 15 febbraio alle 20:45 al Teatro Accademico di Conegliano, vedrà esibirsi la spumeggiante Angela Finocchiaro, attrice conosciutissima dal grande pubblico per le sue performance teatrali, televisive e cinematografiche.
La prevendita per “Ho perso il filo” e per le due date di “Sister Act” è già attiva nei circuiti Vivaticket e Ticketone.

Facebook Comments

Leggi anche

La tragedia delle Foibe, ricordare per non ripetere

I confini a volte sono labili. Sono geografici,