Torna Sexto ‘Nplugged con i Foals per un super concerto

Torna Sexto ‘Nplugged con i Foals per un super concerto

- in Cronaca, Le ultime
84
0
foals

QUINDICESIMA EDIZIONE SEXTO ‘NPLUGGED, FOALS LA PRIMA BAND HEADLINER

La storica rassegna musicale di Sesto al Reghena (PN) annuncia la prima band: Foals in esclusiva per il Nord Italia sul palco il 24 giugno. Presenteranno il progetto più ambizioso della loro carriera. “Presto altri annunci”

 

La fotografia più bella della scorsa edizione ritraeva la piazza piena, fan entusiasti e sul palco star internazionali del calibro di Billy Corgan e Michael Kiwanuka. Ora Sexto ‘Nplugged, la storica rassegna musicale che si svolge in estate a Sesto al Reghena, nel Pordenonese, in uno dei borghi più belli d’Italia, ritorna con un annuncio mozzafiato: in esclusiva per il Nord Italia ci saranno i Foals il prossimo 24 giugno. “Siamo orgogliosi di confermarci a livelli altissimi nella ricerca musicale, l’indie inglese che conta passerà questa estate per il nostro borgo medioevale, noto per il suo complesso abbaziale e per quel pavone che ogni tanto compare durante i concerti”, dicono gli organizzatori. “Su Spotify la loro hit “My Number” viaggia a 170 milioni di ascolti, “Mountain at my gates” ha superato i 110 milioni”.

C’è dunque molta attesa per vedere sul palco del borgo più live d’Italia la band indie rock di Oxford nata nel 2005, formata da Yannis Philippakis (voce/chitarra), Jimmy Smith (chitarra), Jack Bevan (batteria) e Edwin Congreave (tastiere). Per l’occasione, la band presenterà il progetto più ambizioso della propria carriera: l’album diviso in due parti “Everything Not Saved Will Be Lost”. Grazie ad un impegno durato sette mesi, il progetto ha visto The Foals incidere quasi 80 minuti di musica per 20 brani attesissimi tra i fan. ‘Everything Not Saved Will Be Lost’ rappresenta l’era di maggior successo della band, iniziata quando ‘Part 1’ ha debuttato al secondo posto nelle classifiche degli album in UK e ha fatto guadagnare una nomination al Mercury Prize Award, nonché il premio come “Best Album” ai Q Awards 2019, mentre “Part 2” ha conquistato subito la prima posizione nella classifica della Uk Albums Chart. Dopo aver suonato sui palchi di tutto il mondo, la band dagli oltre 218 milioni di streaming su Spotify, considerata dalla critica una delle migliori realtà rock di sempre, è pronta ad esibirsi sul palco estivo di Sexto ‘Nplugged.

Sexto ‘Nplugged si conferma così ai vertici nazionali tra i boutique festival, grazie al suo stile unico per proposte musicali e location. Fondata nel 2006 dall’Associazione Culturale Sexto, si è affermata negli anni per lo spessore delle proposte artistiche e per la volontà degli organizzatori di percorrere strade alternative che entrano in simbiosi col luogo dove si svolge la rassegna, un suggestivo complesso abbaziale dell’VIII secolo. Numerosi gli artisti nazionali e internazionali che hanno calcato il palco di Sexto ‘Nplugged. Tra gli altri, citiamo gli Air, Antony and the Johnsons, St. Vincent, The War on Drugs, Belle And Sebastian, Einstürzende Neubauten, Goldfrapp, Apparat, Interpol, Rhye, Billy Corgan e Michael Kiwanuka. La manifestazione è sostenuta dalla Regione Friuli Venezia Giulia e dalla Fondazione Friuli ed i concerti sono inseriti nella promozione “Dormi da noi – Biglietto Free” realizzata dal Consorzio Pordenone Turismo che permette di ricevere il biglietto omaggio a chi soggiorna in una struttura convenzionata della provincia di Pordenone (per informazioni info@pordenoneturismo.it – tel. 0434 549427).

“Il luogo fa la musica, questo il nostro mantra”, chiudono gli organizzatori. “Festival come il nostro hanno una valenza, anche turistica, importante e siamo orgogliosi di portare ogni anno migliaia di persone nel nostro piccolo borgo. E lo faremo anche quest’anno, a breve annunceremo nuovi headliner e collaborazioni”.

Facebook Comments

Leggi anche

Il direttore generale della ULSS2 trevigiana ha parlato al consiglio comunale di Treviso a porte chiuse

Consiglio comunale a porte chiuse ieri sera a