Treviso Slow Wine, 105 espositori e bordolesi al BHR

Treviso Slow Wine, 105 espositori e bordolesi al BHR

- in Food and beverages, Le ultime
647
0
L'edizione 2019 di Treviso Slow Wine al BHR HotelL'edizione 2019 di Treviso Slow Wine al BHR Hotel

Treviso Slow Wine domenica 26 gennaio 2020 torna, per il settimo anno, al Best Western Premier BHR Treviso Hotel, con la organizzazione di Slow Food Treviso, e il patrocinio del Coordinamento Regionale del Veneto dell'associazione fondata da Carlin Petrini.  Saranno presenti oltre 105 produttori vinicoli, segnalati nell'edizione 2020 della Guida Slow Wine. Le diverse tipologie saranno accompagnate da specialità gastronomiche regionali, proposte dagli “Artigiani del Cibo”, selezionati da Slow Food Treviso. I prodotti potranno essere degustati e acquistati dal pubblico.

 La manifestazione si terrà dalle ore 10.30 alle ore 19.00, nelle sale del Centro Congressi del BHR Treviso Hotel, ed è prevedibile che ci sarà un notevole afflusso di pubblico e appassionati del vino, dato l'incremento di ingresso riscontrato nelle scorse edizione (superiore al migliaio di visitatori). Le cantine presenti provengono da VenetoFriuli Venezia Giulia e Trentino Alto Adige, presenti nella Guida Slow Wine 2020 di Slow Food Editore. Anche quest’anno sarà presente una rappresentanza di vini della Slovenia.

Tutto pronto per Slow Wine 2020
Tutto pronto per Slow Wine 2020

Il lungo percorso dei banchi d'assaggio si snoda dal Trentino Alto Adige a Verona, con le aree del Custoza, Bardolino, Valpolicella e Soave. Si passa poi al Vicentino e al Padovano con Breganze e i Colli Berici e Euganei. Le denominazioni di Treviso saranno presenti con l’Asolo Montello, le Colline del Prosecco, la zona del Piave e per la prima volta entrano nella lista espositori i produttori di Torchiato di Fregona "Piera Dolza". Ci saranno anche i vini di Pramaggiore, proseguendo verso le Terre di Pianura e le Colline Orientali del Friuli, il Collio, Isonzo e Carso, per approdare nella vicina Slovenia.

La novità di quest'anno  è l'approfondimento dedicato ai grandi vini rossi "Bordolesi" del Veneto. Un mondo rappresentato a Treviso Slow Wine da 30 cantine. Viticoltori che, nell'ultimo trentennio, hanno saputo liberarsi da negative logiche di massificazione produttiva per raggiungere livelli qualitativi indiscutibili. Un’area specifica, pertanto, sarà riservata a loro. Inoltre, alle ore 14.00, con la prenotazione, sarà possibile partecipare alla degustazione comparata di 12 "bordolesi" selezionati. Al termine, proclamazione dei primi tre classificati.

slowcala

Ai visitatori verrà richiesto un contributo all'associazione di 15 euro, comprensivo di degustazione dei vini e dei prodotti agroalimentari in esposizione (e vendita) negli stand degli artigiani del gusto,  del calice e portacalice con il logo di Slow Food. Quest'anno il ricavato della manifestazione finanzierà una borsa di studio, presso l’Università degli Studi di Scienze Gastronomiche di Pollenzo.

Inoltre, solo per questa speciale occasione, i visitatori under 30 potranno diventare soci Slow Food gratuitamente. L’area ristoro/degustazione, a cura di BHR Treviso Hotel, proporrà piatti tipici della cucina veneta preparati dallo staff del Ristorante DiVino Osteria Trevigiana, partner dell’iniziativa con la direzione dell’Hotel.  Quindi la visita a Treviso Slow Wine potrà essere completata da un pranzo domenicale, che unisce la cultura del vino e la tradizione del cibo secondo i valori promossi da Slow Food.

image004image004

Nel menu del DiVino Osteria Trevigiana è inserito il Risotto al radicchio rosso tardivo di Treviso e crema di Casatella. L'executive chef Riccardo Aliceto lo prepara seguendo la ricetta che pubblichiamo, raccontata dallo stesso cuoco anche nel video realizzato per la rubrica social TG Plus Food & Beverage, on-line da martedì 21 gennaio.

RISOTTO AL RADICCHIO ROSSO TARDIVO DI TREVISO E CREMA DI CASATELLA

Ingredienti: brodo di carne, riso Carnaroli, trito di cipolla, radicchio tardivo di Treviso, vino rosso, burro, formaggio Grana, aceto, crema di Casatella.

Preparare il fondo con la cipolla brasata. Aggiungere il radicchio tagliato a pezzetti non troppo piccoli, bagnare subito con abbondante vino rosso, salare e cuocere per 2 minuti. Raffreddare velocemente. In un’altra casseruola tostare il riso a secco, mescolando di tanto in tanto fino a quando il chicco è bello caldo e si inizia a sentire il profumo del cereale. Bagnare con il vino rosso q.b., far evaporare e aggiungere il brodo di carne. Cuocere per circa 12 minuti,  quando si è a 6 minuti aggiungere il fondo di cipolla e il radicchio sminuzzato precedentemente preparato, e completare la cottura. Mantecare con abbondante burro e grana grattugiato. Dare una spruzzata di aceto. Impiattare e aggiungere la crema di Casatella, precedentemente sciolta con una piccola quantità di panna.

 Per ulteriori informazioni: Slow Food Treviso Antonio Zamboni - cell. 335 7747008  Email: antonio@slowfoodtreviso.it

Best Western Premier BHR Treviso Hotel Centro Leonardo | Via Postumia Castellana, 2 | 31055 Quinto di Treviso (TV) Tel +39 0422 3730 | Fax +39 0422 373999 | email: info@bassohotels.it | web: www.bhrtrevisohotel.it-

Facebook Comments

Leggi anche

La FIVI propone di rimandare il Vinitaly al 2021

Sull'esempio del Prowine di Dusseldorf, la FIVI chiede