Il 700° anniversario della morte di Dante ricorre il 13 settembre 2021, data in cui le celebrazioni ufficiali saranno aperte dal Presidente della Repubblica Mattarella a Ravenna. Per ricordare questo importante centenario l’Università Ca’ Foscari Venezia ha organizzato nell’arco di tutto il 2021 un ricco programma di eventi celebrativi, di carattere sia squisitamente scientifico, sia divulgativo.

A cominciare da giovedì 25 marzo, giorno prescelto dall’anno scorso come ricorrenza nazionale dedicata al poeta (il cosiddetto Dantedì), si susseguiranno seminari, convegni internazionali, presentazioni di libri, ma anche laboratori teatrali, interviste radiofoniche e iniziative social.

“Ca’ Foscari partecipa attivamente alle celebrazioni per l’anniversario di Dante – sottolinea Caterina Carpinato, Prorettrice alla Terza Missione dell’Università Ca’ Foscari Venezia – grazie agli studiosi di Italianistica del Dipartimento di Studi Umanistici, offre letture critiche e contributi scientifici specialistici destinati sia agli studenti che ad un pubblico più ampio; e grazie agli studiosi di altre lingue e culture verrà valorizzata la dimensione internazionale del nostro Poeta. Il viaggio nel mondo di Dante includerà anche eventi di carattere divulgativo come quelli di Radio Ca’Foscari e di altre realtà dell’ateneo che hanno volentieri partecipato al programma”.

Si comincia la mattina del 25 marzo alle ore 9 con la Maratona di letture dantesche organizzata da Radio Ca’ Foscari in cui le voci della radio, di studenti, docenti e appassionati chiamati a raccolta attraverso una call sui social, si alterneranno nella lettura dei versi danteschi preferiti in una sorta di staffetta letteraria.

Sempre nello stesso giorno, dalle ore 17 per il ciclo “Dante nel mondo” si svolgerà un seminario on line dal titolo “Viaggio di Dante nel mondo armeno” tenuto da Sona Haroutyunian, docente di lingua armena e di teoria della traduzione. Linguista di formazione, da diversi anni si occupa della fortuna di Dante fuori dall’Italia con un riferimento particolare al mondo armeno. Gli armeni hanno tradotto la “Divina Commedia” prima di tutti i popoli dell’Asia e di alcuni casi anche dell’Europa: la fortuna in lingua armena nasce a Venezia, grazie ai Padri dell’isola di San Lazzaro. Gli armeni non solo hanno considerato la “Commedia” un gioiello della letteratura universale, ma vi hanno letto la tragedia del proprio popolo. Diversi poeti armeni del Novecento hanno fatto esplicito riferimento a passi dell’Inferno dantesco per raccontare gli orrori del Genocidio armeno.

Sempre per lo stesso ciclo “Dante nel mondo” organizzato dal Dipartimento di Studi sull’Asia e sull’Africa, si terranno anche degli incontri su “Dante in Iran” (9 aprile), “Dante nel mondo arabo” (13 maggio), Dante nelle traduzioni (25 maggio).

Giovedì 25 marzo alle ore 16 organizzato dalla Società Dante Alighieri – Comitato di Venezia, con la Biblioteca Nazionale Marciana, e in collaborazione con i docenti cafoscarini Serena Fornasiero e Tiziano Zanato, verrà presentato on line il libro di Marco Santagata, “Le donne di Dante”, (il link per partecipare nel programma allegato).

Dal 29 marzo al 24 giugno 2021 si svolgerà il Seminario Dantesco Internazionale ‘Le culture (e le parole) di Dante’, un ciclo di seminari on-line organizzati nell’ambito del progetto di ricerca VERTEXCULT e con il patrocinio del Dottorato in Italianistica che vedrà la lezione inaugurale il 29 marzo 2021 con Lino Pertile della Harvard University, uno dei massimi studiosi di Dante a livello internazionale, cui seguiranno altri importanti studiosi.

Il 3 e 4 giugno 2021 si terrà il Convegno Internazionale in ricordo di Saverio Bellomo, illustre dantista cafoscarino, “Dante e la poesia in volgare del Due e Trecento”, mentre il 15 giugno 2021, ore 16 sarà la volta di un focus sulla città di Venezia con “Venezia nella vita e nell’opera di Dante” Conferenza di Luca Lombardo, (Università Ca’ Foscari Venezia – Concordia University of Montréal) evento (in modalità mista) in collaborazione con la Società Dante Alighieri – Comitato di Venezia e con la Biblioteca Nazionale Marciana.

Non mancheranno eventi divulgativi come una serie di puntate radiofoniche di Radio Ca’ Foscari che andranno in onda tra maggio e giugno 2021 dal titolo “Così nel mio parlar” sulla biografia di Dante e che ne approfondiranno ad una ad una le opere attraverso interviste ai docenti cafoscarini.

Dante arriva fino in Russia con le storie che l’account Istagram Dante.in.russia.700, dello Csar, Centro Studi sulle Arti della Russia, sta pubblicando già da gennaio e che si prolungheranno fino a dicembre. Due volte la settimana sveleranno l’immagine di Dante nella cultura russa: poesia, letteratura, cinema, musica, teatro.

Anche Teatro Ca’ Foscari darà il suo contributo al programma dantesco con “Bestiario dantesco, un Laboratorio online ideato e condotto da Teatrino Giullare che si terrà il 13, 20 e 27 aprile 2021. Un percorso laboratoriale in cui i partecipanti saranno guidati nell’esplorazione delle creature fantastiche e mitologiche, che popolano l’Inferno di Dante, a partire da un breve excursus sulla zoologia fantastica dall’antichità fino a Jorge Luis Borges e al suo Manuale di zoologia fantastica.

Il calendario di iniziative continuerà anche in autunno con il ciclo di seminari organizzati dal Dottorato in Italianistica “Come l’uom s’etterna: funzione e fortuna di Dante nella cultura italiana” (5 ottobre-14 dicembre), e con molti altri appuntamenti in corso di definizione.