Fake News su Facebook, uno studio di Ca’ Foscari

Fake News su Facebook, uno studio di Ca’ Foscari

- in Le ultime, Primo piano, Tecnologia, Treviso
470
0
fake news

Su Facebook, le fake news compaiono nel giro di 24 ore dalla pubblicazione delle news ‘vere’ che distorcono. Il terreno della buona informazione, quindi, va preparato nelle primissime ore durante le quali un tema ‘a rischio’ diventa virale. Uno studio appena pubblicato sulla rivista scientifica ACM Transactions on the Web dal team coordinato da Walter Quattrociocchi, ricercatore all’Università Ca’ Foscari Venezia, propone un algoritmo per identificare i temi ‘caldi’ potenzialmente polarizzanti e far suonare un campanello d’allarme prima che le fake news prendano il sopravvento.

 “Per chi vuole smorzare i toni evitando di alimentare la polarizzazione su Facebook - spiega Fabiana Zollo, coautrice della ricerca - c’è poco tempo per agire. Il nostro metodo si è rivelato in grado di intercettare gli argomenti suscettibili di disinformazione con un’accuratezza del 77%. Sapendo quali sono gli obiettivi potenziali, giornalisti e comunicatori potrebbero giocare d’anticipo e informare meglio, tenendo conto del rischio elevato”.

La ricerca ha analizzato l’attività di 75 pagine Facebook italiane, di cui 58 di giornali e 17 riferite a siti che diffondono fake news, per un totale di quasi 400mila post e decine di migliaia di like, commenti e condivisioni. Sulla base di questa mole di dati, i ricercatori hanno testato una metodologia in grado di segnalare i temi a rischio bufala. Secondo i dati italiani, tra l’uscita di una notizia sulle pagine delle testate giornalistiche e l’uscita della controparte fake trascorrono tra le 3 e le 21 ore. Dopo 24 ore la disinformazione è già in circolo.

 “Se non si previene con adeguate strategie comunicative - aggiungono i ricercatori - non rimane che il ricorso al debunking, cioè smontare pezzo per pezzo le notizie false, pratica che abbiamo visto essere poco efficace perché rischia di innescare nuovamente l’ondata di disinformazione”. La ricerca del team cafoscarino prosegue anche nell’ambito del progetto europeo QUEST, finanziato dal programma H2020 della Commissione europea e dedicato alla comunicazione della scienza. Approfondendo delle dinamiche della comunicazione scientifica sui social media, i ricercatori studieranno e verificheranno con i diversi attori coinvolti le strategie comunicative più efficaci.

Facebook Comments

Leggi anche

Il mercato unico di gas ed energia: “Una rivoluzione”

A partire dal 1° luglio 2020 le misure