spaccio di droga
spaccio di droga

Proseguono da parte della Polizia Locale di Venezia le attività di contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti. Domenica pomeriggio, intorno alle 16, nel corso di un servizio in abiti civili, gli agenti del Nucleo Operativo hanno seguito i movimenti sospetti di un ventiduenne nigeriano tra via Dante e via Montello, nel rione Piave. In un primo momento il cittadino africano è salito a bordo di un’auto condotta da un trentaquattrenne di Salzano, nelle vicinanze del sottopasso di via Dante.

Fermato dopo pochi minuti in via Trento, il mezzo è stato sottoposto a perquizione a seguito della quale è stata rinvenuta la dose di eroina gialla acquistata qualche minuto prima dal pusher. Per il conducente è scattata una sanzione di 983 euro, oltre a un ordine di daspo dal rione Piave per 48 ore. A seguito di segnalazione alla Prefettura come consumatore di sostanze stupefacenti, gli è stata immediatamente ritirata la patente di guida, con una sospensione di 30 giorni.

Gli agenti in borghese hanno invece continuato a seguire i movimenti dello spacciatore che, dopo essere sceso dall’auto, si è spostato in via Montello dove si è soffermato con un secondo cliente. Bloccato da altri agenti del Nucleo in via Sernaglia, il 22enne è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria per il reato di spaccio continuato, nei suoi confronti sono scattate anche le sanzioni amministrative. Nei guai anche il secondo cliente, un veronese di 35 anni arrivato in treno da San Stino di Livenza, che ha tentato la fuga a piedi all’interno della stazione, ma è stato intercettato e fermato tra i binari. L’acquisto di una dose di cocaina gli è costato una sanzione di 850 euro, oltre al daspo urbano per 48 ore e la segnalazione in Prefettura.