Veneto City
Veneto City

Erika Baldin, Consigliera regionale del Movimento 5 Stelle, interviene sulla notizia che riguarda l’addio al progetto di Veneto City. “E’ una bella notizia, per svariati ordini di motivi. Dopo dieci anni di malcelati sogni di gloria leghista, abbiamo evitato una ferita epocale nel cuore del Veneto. Siamo una delle regioni che più ha maltrattato il proprio territorio, anteponendo il binomio capannoni/profitto alla tutela del suolo e delle nostre ricchezze naturalistiche e culturali. Vederlo sorgere sarebbe stato uno scempio rivolto al passato, in netto contrasto con l’orientamento del M5S e della stessa Europa. Nel Recovery Plan infatti si punta forte sulla transizione verso un’economia sostenibile, legata al green deal, tutelando il territorio e il patrimonio paesaggistico e culturale. L’esatto opposto, rispetto alla cittadella di cemento e acciaio”.

“Lo stop a Veneto City va nella direzione di un diverso approccio all’offerta commerciale – aggiunge in conclusione la Consigliera Baldin – che deve dare più respiro ai piccoli negozi di vicinato, a quelle attività lavorative che mantengono vivi i nostri quartieri e permettono a tutta una fascia di esercenti e di indotto di poter sopravvivere, senza farsi strangolare dalla grande distribuzione organizzata”.