La Banca d’Italia dona 500.000 € al Veneto

La Banca d’Italia dona 500.000 € al Veneto

- in Economia, Le ultime, Regione veneto
221
0
Schermata_2018_11_02_alle_154606_2-1

Il Consiglio Superiore della Banca d’Italia ha deliberato l’erogazione di un contributo liberale di 500 mila euro da destinare alla Regione del Veneto per gli interventi a favore delle famiglie e delle comunità locali colpite dagli eccezionali eventi meteorologici di ottobre-novembre 2018.

Lo ha comunicato, con una lettera inviata al Presidente Luca Zaia, il Governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco.

“Al Governatore Visco e all’intera Istituzione Banca d’Italia – dice Zaiarivolgo tutta la gratitudine, mia personale e dei territori e delle popolazioni colpite, per una decisione di eccezionale significato, morale e materiale, che testimonia come la tragedia che ha colpito le genti venete abbia toccato il cuore  delle persone, ma sia stata colta in tutta la sua gravità anche da Istituzioni prestigiose come Bankitalia. Questo ingente aiuto – conclude Zaia – arriva come un grande e insperato regalo di Natale alle popolazioni colpite. Garantisco che ogni euro verrà utilizzato per loro, per le loro necessità, per sostenere la rinascita di territori martoriati”.

Di seguito il testo integrale della lettera con cui Bankitalia ha comunicato al governatore l'atto di donazione:

"Signor Presidente,

desidero informarLa che il Consiglio superiore della Banca d'Italia, come segno della vicinanza di questo Istituto alle popolazioni colpite dagli metereologici dei mesi di ottobre e novembre, ha deliberato l'erogazione di un contributo liberale di € 500.000 da destinare alla Regione del Veneto, per gli interventi a favore delle famiglie e delle comunità locali.

Il contributo verrà erogato sul conto corrente che la Regione ha provveduto ad aprire nella circostanza.

L’occasione mi è gradita per inviarLe i migliori saluti e auguri per le prossime festività natalizie."

Facebook Comments

Leggi anche

Pfas, in 51.000 allo screening regionale

La Direzione Prevenzione, Sicurezza alimentare, Veterinaria ha pubblicato