Sanità, Anziani e Assistenza : Quale futuro per la terza età?

Sanità, Anziani e Assistenza : Quale futuro per la terza età?

- in Cronaca, Le ultime
216
0
anziani
Sanità e Anziani e assistenza : Quale futuro? Il convegno della Cisl FNP oggi pomeriggio a Treviso
Lavoro di cura, gestione della non-autosufficienza, invecchiamento della popolazione, welfare di comunità. Sono alcuni dei temi che saranno trattati venerdì 25 ottobre dalle 14.30 alle 17.30 al teatro Aurora di Treviso nell’ambito del convegno “Sanità e assistenza anziani: quale futuro?”, organizzato dal Coordinamento Donne dei Pensionati della Cisl Fnp.

Dopo l’introduzione di Emma Parisotto, responsabile del Coordinamento Donne Cisl Fnp, prenderà la parola Maria Trentin del Coordinamento nazionale delle Donne Cisl Fnp con un intervento sul lavoro e le relazioni di cura. Antonio Corasaniti, ricercatore dell’Università La Sapienza di Roma interverrà poi su “Cura, lavoro e professionalità. Regolazione e azione nei territori”. Parola infine alla dottoressa Lucia Dalla Torre, responsabile dell’Unità Operativa Non Autosufficienza del Distretto di Pieve di Soligo, su “Welfare di comunità e nuovi bisogni emergenti per anziani nel territorio della Ulss 2”. Le conclusioni saranno a cura di Rino Dal Ben, segretario generale della Cisl Fnp Belluno Treviso.

 

In una provincia in cui gli over 65 sono quasi 185 mila (un quinto della popolazione totale della Marca), di cui la metà ha più di 75 anni, la Federazione dei Pensionati Cisl e il suo Coordinamento Donne si interrogano sul futuro dell’assistenza socio-sanitaria. “Il convegno - spiega Emma Parisotto, responsabile del Coordinamento Donne Cisl Fnp - ha il duplice obiettivo di fornire il quadro della situazione sulla cura nel nostro territorio e di definire gli strumenti necessari per superare le fragilità del sistema, anche legate all’aumento della domanda di servizi per le fasce anziane della popolazione, che hanno bisogni sanitari maggiori connessi alla cronicità, alla disabilità e alla non autosufficienza, criticità che faticano a trovare risposte concrete da parte della politica, sia a livello regionale, che a livello nazionale”.

 

Molte infatti le rivendicazioni portate avanti dalla Fnp a livello territoriale e nazionale, a partire dalla riforma delle Ipab: ieri, martedì 22 ottobre, le Federazioni sindacali dei Pensionati si sono mobilitate unitariamente con una manifestazione davanti a Palazzo Balbi, sede della Giunta regionale, per sostenere la richiesta di una ripresa dell’iter legislativo di riforma delle case di riposo e della sua conclusione entro la fine dell’anno. La richiesta è che vengano trasformate in aziende di servizi pubblici alle persone, integrate nel sistema socio-sanitario regionale e nella filiera dell’assistenza territoriale.

 

Importante anche la battaglia dei Pensionati per il varo di una legge sulla non autosufficienza che riordini il caos organizzativo e finanziario e stabilisca una volta per tutte criteri uniformi di riconoscimento della condizione di non autosufficienza, riconoscendo i livelli essenziali di prestazioni sociali e promuovendo forme di residenzialità innovative. Fondamentale, inoltre, per la Fnp, è il riconoscimento della figura dei caregiver e del lavoro di cura, la riorganizzazione dell'indennità di accompagnamento, ma anche investimenti nella medicina del territorio, nelle cure intermedie e nella domiciliarità. Tutti temi che saranno approfonditi nel corso del convegno di venerdì.

Facebook Comments

Leggi anche

Tour virtuali nei musei trevigiani per mantenere attiva la memoria

I MUSEI CIVICI DI TREVISO ENTRANO NELLE CASE