Stasera gran finale al Festival delle Abbazie: Andy Warhol e i Velvet Underground

Stasera gran finale al Festival delle Abbazie: Andy Warhol e i Velvet Underground

- in Eventi, Le ultime, musica, Treviso
226
0
Mario Nardo

Il Festival delle Abbazie 2019 si chiude con un debutto assoluto, uno spettacolo inedito in esclusiva nazionale:  venerdì 26 luglio alle ore 21:00, infatti, all’Abbazia di Santa Maria di Pero a Monastier di Treviso, va in scena “RACCONTI DI VELLUTO: New York, Andy Warhol, Velvet Underground”.

Lo spettacolo illustra attraverso videoproiezioni, musica e parole il fermento newyorkese di metà anni 60, che portò alla nascita e alla diffusione del nuovo paradigma della cultura pop. Il racconto è affidato all’attrice Samantha Silvestri, da CartaCarbone Festival, e a Mario Nardo, direttore dell’associazione culturale CartaVetrata e co-autore, con Ricky Bizzarro, della piéce.

«Racconti di Velluto è la narrazione di un biennio irripetibile, durante il quale New York, Andy Warhol e i Velvet Underground diventano una macchina multimediale che darà la luce al debutto discografico pop più seminale di tutti i tempi», spiega Mario Nardo.

Proprio alcuni brani tratti da “The Velvet Underground & Nico”, il cosiddetto banana album prodotto da Andy Warhol, saranno risuonati filologicamente dal vivo dai The Shiny Boots, special band formatasi in occasione della mostra dedicata a Andy Warhol a Ca’ dei Carrarasi nel dicembre 2017.

«Ho avuto la fortuna e il privilegio di assistere ad un concerto dei Velvet Underground. “The Velvet Underground & Nico” è l’album più importante della mia vita, è il motivo per cui ho sempre e solo suonato rock & roll – confessa Ricky Bizzarro - Mai avrei immaginato che un giorno l’avrei suonato dal vivo, insieme a tre artisti fenomenali, dotati di una cultura e di una sensibilità musicale pazzesca: Tommaso Mantelli, Vittorio Demarin, Massimiliano Bredariol. Suonare “The Velvet Underground & Nico” significa rappresentare una magnifica imperfezione: quell’album fu un’esperienza storica, registrato in appena due giorni, tra scordature inconfondibili e un’ispirazione irripetibile. Restituiremo fedelmente quel suono lì, con quel suo caos dannato e seducente».

Lo spettacolo è patrocinato ed organizzato dal Comune di Monastier di Treviso, con la direzione artistica dell’Associazione Culturale Fiera LibreRacconti di velluto è ad ingresso gratuito, con offerta libera e responsabile. In caso di maltempo, verrà allestito alla medesima ora sotto il porticato del cortile dell’Abbazia, negli spazi privati del conte Ninni Riva. Gli appuntamenti monastieresi del Festival sono realizzati grazie al sostegno economico di Arper – affermata azienda internazionale di sedute, tavoli e complementi di arredo per la collettività, il lavoro e la casa.

Facebook Comments

Leggi anche

Treviso Siamo Noi: 61 consorziate, nuovi progetti e un futuro roseo (anzi, biancoceleste)

Superava il centinaio di presenti la famiglia Treviso