Quarantotto (48) pratiche in poco più di un mese per il Treviso Fund. Si è dimostrata un successo l’iniziativa dell’Amministrazione Comunale di Treviso che, tramite un contributo ai Cofidi – budget peraltro esaurito in pochissimi giorni – ha immesso nel territorio 2,5 milioni di liquidità per aiutare attività produttive e imprese nel processo di ripresa post Emergenza.  Tramite una procedura semplificata le imprese hanno potuto così avere accesso a finanziamenti fino a 35 mila euro, erogati in appena 20 giorni.  

[huge_it_slider id=5]

Così il vicesindaco di Treviso Andrea De Checchi: «Laddove, a livello statale, non è ancora stata erogata la prima tranche, noi, come Amministrazione locale, siamo pronti a finanziare il Treviso Fund 2 per aiutare altri imprenditori. In questo particolare momento storico era fondamentale dare un sostegno veloce e all’insegna della semplificazione alle nostre attività che hanno apprezzato il provvedimento, rivolgendosi ai Cofidi o a CentroMarca Banca, istituto di credito che ha creduto sin da subito nel progetto, già dal primissimo giorno di disponibilità del Treviso Fund. Questa è la dimostrazione che quando ci si mette al tavolo con capacità l’inefficienza generata dalla burocrazia può essere abbattuta».

La ripresa è appena cominciata, ma laddove in altri ambiti territoriali si stenta a passare dalla teoria alla pratica, Treviso pare già esser ripartita a razzo. Cominciando dal sostegno alle attività produttive e alle PMI, da sempre il “motore” di tutta la Marca.