VACCINI. ANCHE L’EX PRESIDENTE DELLA CORTE DI CASSAZIONE STA CON ZAIA

VACCINI. ANCHE L’EX PRESIDENTE DELLA CORTE DI CASSAZIONE STA CON ZAIA

- in Cronaca, Le ultime
458
0
imposimato

Continua a far discutere il caso vaccini. La presa di posizione del Governatore Luca Zaia che con decreto regionale della direzione della sanità veneta si mette in opposizione alle disposizioni del governo e della legge Lorenzin sull'obbligatorietà delle vaccinazioni sta portando al ventilato rischio di commissariamento della stessa Regione Veneto. E sullo scontro Regione Veneto - Governo interviene anche Ferdinando Imposimato, presidente onorario aggiunto della Corte di Cassazione. Che fa un intervento a favore dello stesso Zaia.

"Siamo col governatore del Veneto che ha rinviato di due anni la legge sui vaccini in Veneto. E' decisione legittima basata sul referendum del 4 dicembre 2016. La riforma costituzionale Renzi, sostenuta da Cantone , Benigni , Scalfari , De Masi e Pres Mattarella , bocciata il 4 dicembre 2016, conferiva poteri straordinari al premier in base al nuovo art 117 Cost <<Su proposta del Governo, la legge dello Stato può intervenire in materie di competenza delle Regioni, quando lo richieda l'unità giuridica o economica della Repubblica o lo rendano necessario riforme economico sociali di interesse nazionale>>. IL referendum popolare ha bocciato questa clausola col 60%. Il Presidente del Consiglio avrebbe avuto la possibilità abnorme di avocare il potere legislativo spettante a Regioni , se avesse ritenuto l'esigenza di unità giuridica o economica del Paese o l'interesse nazionale, a suo arbitrio .Riforma analoga a quella di Berlusconi del 2003, bocciata nel 2006. Il Governatore del Veneto rispetta la Costituzione, che il Ministro Lorenzin ignora totalmente: non può commissariare niente".

Facebook Comments

You may also like

Lo sloveno Tadej Pogacar trionfa al Trofeo Bianchin, classica di ciclismo per dilettanti

Un eccellente Tadej Pogacar (Slovenia National Team), dopo la vittoria