West Nile, altri due contagi in provincia

West Nile, altri due contagi in provincia

- in Cronaca, Le ultime
344
0
3912033_1330_om_2068371

Continua a tenere banco l’allarme West Nile Virus in Veneto. Altri due contagi sono stati registrati in provincia di Treviso, precisamente a Castelfranco dove due settantenni residenti a Treville e in quartiere Valsugana hanno contratto la malattia meglio nota come Febbre del Nilo. Gli uomini sono ora ricoverati al Ca’ Foncello di Treviso.

Sono 132 i casi registrati in Veneto, di cui 41 che sono evoluti nella forma neuroinvasiva comportando la morte di 6 persone. La provincia di Treviso è invece tra quelle dove è stato rilevato il minor numero di casi di West Nile Virus con sole 3 unità, a cui vanno aggiunti i 2 settantenni di Castelfranco. Al momento la provincia più colpita dal virus è invece quella di Padova con 54 contagi, di cui 44 forme febbrili e 10 neuroinvasive, seguita da Rovigo (26 contagi totali), Verona (24), Venezia (19) e Vicenza (6).

La zanzara comune, responsabile della trasmissione del virus, provoca maggiori complicazioni tra soggetti anziani e immunodepressi, come chi ha subito un trapiano d'organi. Questo può implicare che due persone, punte dalla stessa zanzara, contraggano sintomi più o meno gravi in base alla loro età e allo stato di salute.

Nel frattempo l’amministrazione comunale di Castelfranco è corsa ai ripari con nuove disinfestazioni e ricordando alla cittadinanza tramite il proprio sito web i seguenti suggerimenti per evitare la diffusione del virus:

  • ricorrere a misure di protezione individuali, come l’uso di un abbigliamento idoneo (maniche lunghe, pantaloni lunghi e scarpe chiuse) o di insetto-repellenti  da spruzzare o spalmare sulle parti scoperte del corpo;
  • per quanto riguarda le abitazioni, per evitare l’ingresso delle zanzare, si deve ricorrere all’uso di zanzariere a maglie fitte da collocare su porte e finestre. Spirali fumigene (zampironi, solo per uso estero) o elettro emanatori di insetticida (per interni) possono risultare utili per mantenere le zanzare lontane da aree di piccole dimensioni;
  • rimozione dei focolai larvali peri-domestici (es. svuotamento sottovasi con acqua stagnante, copertura bidoni ed eventualmente esecuzione di trattamenti larvicidi su focolai non rimovibili in ambito domestico, ecc.).

 

 

 

Facebook Comments

Leggi anche

Un numero di telefono contro il “batterio killer”

Dopo il West Nile Virus, la sanità torna