Zamparini porta in tribunale la Popolare di Vicenza

Zamparini porta in tribunale la Popolare di Vicenza

- in Cronaca, Economia, Le ultime
273
0
23872_maurizio-zamparini

Non c’è pace per la Banca Popolare di Vicenza. Al centro dell’inchiesta sulla crisi del sistema bancario, affrontata questo mese su Notizie Plus in edicola, il più antico istituto di credito veneto deve ora vedersela con l’offensiva legale mossa dal suo più grande debitore insolvente, Maurizio Zamparini.

Il vulcanico presidente del Palermo Calcio, ex patron del Venezia e della catena commerciale Mercatone Zeta, possiede infatti la Monte Mare Grado Srl, società che risulta esposta con la Popolare di Vicenza di circa 58 milioni di euro: finanziamento concesso a Zamparini dieci anni fa dall’allora presidente di BPVI Gianni Zonin, per acquistare un terreno fabbricabile a Grado di 1,35 milioni di metri quadri, sul quale l’imprenditore friulano intendeva edificare un mega-complesso termale del valore di mezzo miliardo di euro.

zampaIl progetto, tuttavia, naufragò già nel 2013, a causa del prolungato silenzio di quegli enti locali chiamati a fornire permessi e concessioni di rito; e tuttavia il prestito non è ancora stato restituito alla BPVI. Cosa che Zamparini non ha la minima idea di fare: secondo l’agguerrito mangia-allenatori, la Popolare di Vicenza, contestualmente alla concessione del finanziamento lo avrebbe corteggiato sia dichiarandogli l'interesse a finanziare in un secondo tempo l'intero costo dell'operazione immobiliare, sia inducendolo a comprare azioni della banca, e prospettandogli per queste ultime un guadagno del 7%. Guadagno che si è tradotto invece in una perdita, quantificata da Zamparini in 6 milioni di euro.

Morale della favola: Zampa ha appena fatto causa a BPVI per «induzione al finanziamento del progetto e induzione all'acquisto delle azioni». Visti lo spirito ruspante e il temperamento guerriero del personaggio, è abbastanza comprensibile che voglia tentarle tutte pur di evitare il rientro “a babbo morto” di un vecchio finanziamento risultato improduttivo. Ma la cosa più probabile è che si tratti di un mero espediente finalizzato a prendere tempo, poiché, come raccontato dallo stesso magnate friulano, l’elitario progetto turistico è entrato nel mirino di investitori britannici pronti ad acquisirne l’intero pacchetto, debito incluso. E’ bene allora sperare che la trattativa vada a buon fine: ciò consentirebbe da un lato il saldo della posizione scoperta (che da sola occupa il 10% dell’intero monte-insoluti gravante sul credito della Popolare di Vicenza), e dall’altro il varo di un’operazione turistica d’elite che darebbe ulteriore lustro alla costa giuliana, e soprattutto garantirebbe 3.000 nuovi posti di lavoro. Questo almeno è ciò che dice il “vangelo secondo Zampa”!

Facebook Comments

You may also like

Aspettando MoohRun, torna la corsa di Natale de La Butto in Vacca

Tanto attesa come l’arrivo del Babbo di bianco