BIKE TO WORK. VENERDI’ 22 TUTTI AL LAVORO IN BICICLETTA. L’ULSS 2 RIVOLGE L’INVITO A TUTTI I DIPENDENTI E A TUTTI I 95 COMUNI DELLA MARCA

BIKE TO WORK. VENERDI’ 22 TUTTI AL LAVORO IN BICICLETTA. L’ULSS 2 RIVOLGE L’INVITO A TUTTI I DIPENDENTI E A TUTTI I 95 COMUNI DELLA MARCA

- in Le ultime
159
0
pista-ciclabile-2

BIKE TO WORK DAY: VENERDI’ 22 SETTEMBRE TUTTI AL LAVORO IN BICICLETTA

L’ULSS 2 HA RIVOLTO L’INVITO A TUTTI I PROPRI DIPENDENTI E AI 95 COMUNI DEL TERRITORIO

 

La settimana europea della mobilità, in programma dal 16 al 22 settembre,  si concluderà, nei tre Distretti e nei 95 Comuni dell’Ulss 2 “Marca Trevigiana”, con l’invito a recarsi al lavoro, venerdì 22 settembre, in bicicletta anziché in auto.
 Il “Bike to work day”, questa la denominazione dell’iniziativa, è stato illustrato dal Direttore Generale dell’Ulss 2, Francesco Benazzi, assieme a Paolo Speranzon e Fabio Chies, presidenti dei Comitati dei Sindaci dei Distretti Treviso e Pieve di Soligo, e a Luciano Renier, Coordinatore Regionale della FIAB (Federazione Italiana Amici della Bicicletta).
“Già lo scorso anno, l’allora Azienda ULSS 7, assieme ai Comuni di Conegliano e Vittorio Veneto, aveva aderito all’iniziativa promossa dalla Fiab, invitando tutti i propri dipendenti a recarsi al lavoro in bicicletta – ha ricordato Benazzi -. Trattandosi di un’iniziativa volta a favorire sia l’attività motoria sia la sostenibilità ambientale, abbiamo deciso, quest’anno, di fare un ulteriore passo avanti. Oltre a estendere l’invito a tutti i 9.136 dipendenti dell’Ulss 2, abbiamo, infatti, deciso di coinvolgere anche tutti i 95 Comuni che afferiscono al territorio aziendale, invitandoli a proporre anche ai propri dipendenti l’utilizzo della bici per recarsi al lavoro almeno in questa giornata. Scopo dell’iniziativa – ha ricordato Benazzi - è incentivare l’utilizzo della bicicletta per gli spostamenti casa-lavoro, combinando i benefici dell’attività motoria con quelli del risparmio energetico e della riduzione della mobilità "pesante", a favore di una mobilità più sostenibile anche per l’ambiente. In una cultura della prevenzione l’attività fisica è fondamentale – ha concluso il DG - il nostro auspicio è che sempre più persone scelgano di usare le due ruote per i propri spostamenti”.
“L’invito a usare la bicicletta anziché l’auto è un’iniziativa di prevenzione vera, che porta vantaggi sia in termini di salute che ambientali – ha sottolineato Speranzon -. Già da anni i Comuni della Marca promuovono iniziative volte a favorire sia mobilità sostenibile che la promozione della salute; ricordo, solo per citarne alcune, i Pedibus e i Gruppi Cammino”.
“Il cicloturismo e lo sviluppo sostenibile - ha evidenziato Chies - sono elementi importantissimi per il presente e per il futuro del nostro territorio. Non sempre, purtroppo, è facile ripensare le nostre città che, per decenni, hanno conosciuto uno sviluppo che non teneva conto della “mobilità debole”: oggi, per fortuna, c’è una maggiore sensibilità”.“L’uso della bicicletta è salute, per noi e per l’ambiente - ha ricordato Renier -. Fiab è disponibile a supportare Comuni e Ulss in tutte le eventuali iniziative a supporto dell’utilizzo delle due ruote”.

“Per invitarli ad aderire al Bike to work day a tutti i dipendenti dell’Ulss 2 e dei Comuni del territorio - ha spiegato Tiziana Menegon, responsabile del Servizio Promozione della Salute Distretto Pieve - è stata inviata una mail con l’invito a recarsi al lavoro, venerdì 22 settembre, in bici anziché in auto”.

Facebook Comments

You may also like

PFAS e inquinamento delle acque in Veneto. Il caso di Cologna Veneta e la situazione nella Marca Trevigiana

Un viaggio sulle problematiche dei PFAS, gli agenti