Polizia
Polizia

La notte scorsa la Squadra Volante della Questura di Venezia ha portato a termine un’operazione di Polizia che si è conclusa con l’arresto di un di un cittadino moldavo.
Nell’ambito della quotidiana attività di controllo del territorio, finalizzata alla prevenzione e al contrasto della criminalità, gli operatori di Volante, su segnalazione di alcuni residenti, si sono recati a Mestre, in piazzale Zendrini, nei pressi del bar “Jolly”, dove era stato avvistato un soggetto che tentava di asportare dal locale un apparecchio elettronico cambia-soldi.
Gli operatori, giunti celermente sul posto, hanno udito dei forti colpi provenire proprio dal locale segnalato e, per tale motivo, si sono avvicinati cautamente notando un uomo che corrispondeva alle descrizioni fornite. Il ladro, alla vista degli agenti, ha abbandonato a terra un grosso piede di porco metallico, tentando di darsi alla fuga, ma invano. Il soggetto, infatti, veniva bloccato dopo un breve inseguimento e sottoposto a perquisizione personale.
I poliziotti intervenuti hanno poi accertato che il ladro, dopo aver aperto un varco nella muratura sottostante una delle vetrate del bar, era entrato all’interno e aveva tentato di trascinare fuori il dispositivo cambia-soldi, senza però riuscirci in quanto risultava essere incatenato al pavimento. 

Visto quanto accaduto, per C.I., moldavo di 31 anni, sono scattate le manette: l’uomo è stato tratto in arresto per il reato di tentato furto aggravato; trattenuto all’interno delle camere di sicurezza della Questura, è in attesa del processo per direttissima.