A seguito dell’emergenza Coronavirus, il Partito Democratico di Venezia ha elencato una serie di proposte per la gestione dell’emergenza:

  • Smart working per i dipendenti (senza limitazioni di giorni orario ecc.)
  • Per i lavoratori che devono garantire i servizi pubblici essenziali (pensiamo al personale del Trasporto Pubblico) ->prendere tutte le misure per tutelare la loro salute;
  • Ridurre temporaneamente i servizi di front office privilegiando quelli in back office;
  • Prevedere un servizio di consegna a domicilio di spesa e farmaci per gli anziani e le persone in difficoltà;
  • Istituire un numero di telefonico dedicato ad anziani e persone in difficoltà.
  • Per il trasporto pubblico locale (per impedire il sovraffollamento delle cose di questi giorni) si preveda: rafforzamento delle linee Actv più affollate anche prevedendo delle rimodulazioni del servizio (e quindi la riduzione temporanea delle linee che non sono necessarie anche a tutela degli stessi dipendenti del tpl); parcheggi gratuiti in città per chi deve spostarsi per lavoro per evitare il sovraffollamento dei mezzi pubblici ;
  • Agevolare i lavoratori della Sanità che devono raggiungere le Strutture Ospedaliere sia da San Giuliano che da Piazzale Roma, prevedendo anche in accordo con la Ulss corse dedicate e garantendo sempre la gratuità dei parcheggi.

“Abbiamo depositato queste proposte da giorni in Consiglio Comunale, speriamo che il Sindaco cambi idea e decida di fare qualcosa a tutela del sui cittadini e dei lavoratori – hanno spiegato gli esponenti del PD Veneziano che hanno redatto le proposte – Un grandissimo ringraziamento a tutti i lavoratori del comune e delle partecipate per questi giorni difficili ma un ringraziamento particolare in primis ai lavoratori della sanità, del trasporto pubblico locale e di tutti coloro che devono stare a contatto con i pubblico”.