I dati relativi al Pil del Veneto dicono che finalmente la pandemia è conclusa. Quest’anno si tornerà ai livelli pre-Covid con un +2% rispetto al 2019. Ma il dato che preoccupa di più è quello relativo ai consumi.

E’ quanto emerge dal Secondo Focus del nuovo anno dell’Osservatorio Economia e Territorio condotto dal Centro Studi Sintesi per la Cna del Veneto sull’andamento dell’economia regionale nel primo trimestre 2023 e le previsioni per il prossimo trimestre.

Le previsioni di tre mesi fa stimavano una crescita per il 2023 del +1,8%: le ultime proiezioni, invece, fotografano una sensibile frenata dei consumi per l’anno scorso (+0,7%). Su questo incide fortemente l’inflazione che in Veneto nel mese di marzo ha registrato un +7,1% (in Italia +7,6% a marzo, e +8,3% ad aprile).

Se la si assomma all’aumento registrato già nello scorso anno, si arriva ad una inflazione a doppia cifra in due anni, mai raggiunta dagli anni Settanta. Questo dato va ad erodere i consumi già fortemente penalizzati dagli aumenti dei costi energetici e di alcune materie prime. Il dato di previsione sui consumi è quindi peggiorativo rispetto ai dati di previsione del Focus dello scorso gennaio.