I fratelli Marco e Marzia Innocente, della Macelleria Innocente di Montebelluna si sono fatti onore alla seconda edizione del campionato giovani macellai, organizzato nei giorni scorsi da Federcarni a San Donà di Piave.

Il campionato ha chiamato a raccolta giovani macellai (under 35) da tutte le provincie venete e i candidati sono stati giudicati da una giuria qualificata con voti espressi in “coltelli” (da 1 a 5). Molte le prove su cui i candidati si sono cimentati: disosso, sezionamento, manualità del taglio, ordine e pulizia, minimo scarto, inventiva e fantasia, presentazione, degustazione, cottura e creazione insaccato.

Nella tappa veneta i due fratelli Innocente, rappresentanti di Federcarni Treviso, che aderisce al Gruppo Fida Alimentare trevigiano, accompagnati dalla referente del gruppo Maddalena Stecca (33 anni), hanno partecipato in rappresentanza della provincia insieme ad altri colleghi.

Maddalena Stecca – referente del settore – ha affermato che “è stata una bellissima iniziativa di Federcarni che rilancia la figura del macellaio all’interno del grande comparto alimentare, ringrazio il presidente Giuliati e gli organizzatori perché hanno creato una rete di giovani pronti a scommettere sul futuro del comparto. Tra l’altro le quote rose sono state assicurate e questo ha arricchito la manifestazione”.

Marzia Innocente, 33 anni, montebellunese, si è qualificata per le semifinali: “è stata una vera competizione pacifica, senza tensioni, organizzata con vero spirito associativo e con l’intento di unirci, di valorizzare i nostri talenti e di favorire la coesione tra noi giovani. Molti di noi stanno affrontando il ricambio generazionale all’interno delle nostre imprese”.

Con questa ed altre iniziative, i macellai, che aderiscono a Federcarni – Confcommercio e che rappresentano una fetta importante del commercio di vicinato, hanno tutte le intenzioni di investire su nuove competenze e di accompagnare la rivoluzione del commercio.