Lecco-Venezia FC
Lecco-Venezia FC

Lecco-Venezia FC si conclude con il risultato di 1-2. Arancioneroverdi che concludono la prima frazione di gioco in svantaggio, per rientrare in campo decisamente più aggressivi nella ripresa e capovolgere la situazione.

La cronaca.

Primo tempo. Al 16′ calcio di punizione dalla trequarti per gli arancioneroverdi. Pierini sul punto di battuta, pallone sul fondo. Tre minuti dopo occasione per il Lecco: palla in area lagunare, batti e ribatti prolungato a pochi passi dalla porta, azione che si conclude con un nulla di fatto. Il risultato si sblocca al 22′: ripartenza di Buso che, lanciato da Caporale, avanza a tutta velocità, si smarca da Svoboda, carica il destro e batte Joronen. 1-0.  Tentativo di Andersen da fuori area al 31′, destro potente ma spazzato via da Degli Innocenti. Sverko, servito da Andersen al 37′, tutto da solo in posizione regolare, in area di rigore del Lecco, si vede deviare il proprio tiro nel primo corner della gara, dai cui sviluppi passaggio di Pohjanpalo per Busio, il quale fa partire un rasoterra respinto con i piedi da Melgrati. Al 43′ cross di Candela per Pierini, il quale calcia di prima intenzione verso la porta difesa da Melgrati, senza però riuscire ad inquadrarne lo specchio. Al 45′ il Lecco va vicinissimo al raddoppio: retropassaggio sbagliato di Pohjanpalo per Novakovich, che, a tu per tu con Joronen, ha la meglio ma sciupa a lato. Si conclude, senza recupero, il primo tempo di Lecco-Venezia FC con il punteggio di 1-0.

Secondo tempo. Tre sostituzioni per il Venezia nell’intervallo: Altare per Sverko, Zampano per Candela e Gytkjaer per Andersen. Subito arrembante la squadra lagunare a inizio ripresa: dagli sviluppi di un calcio d’angolo, Tessmann rimette la palla in mezzo,  spizzata di testa di Busio, e gran respinta a mano aperta da Melgrati. Tutto questo al 48′. Due minuti dopo lancio lungo in area del Venezia, svarione di Altare, pallone a Buso che cerca di piazzarlo nell’angolo in basso a sinistra della porta, con Joronen costretto al corner, dal quale lo stesso Joronen blocca un tentativo di testa da parte di Sersanti. Pareggio del Venezia al 58′: da corner, battuto da Pierini, Pohjanpalo lasciato solo all’altezza del secondo palo incorna di testa la sfera e segna il 20esimo goal personale in campionato. 1-1. Appena due minuti più tardi gli ospiti ribaltano la situazione: lancio lungo di Tessmann da centro campo, sponda di Altare per Busio che, con un rasoterra insidioso, batte Melgrati. 1-2. Al 65′ dalla destra cross teso di Lepore, Joronen in sicurezza fa sua la sfera. Punizione battuta da Bjarkason al 67′, palla ad Altare che impatta di testa mandando di poco fuori. Due giri di lancette dopo, lancio lungo di Busio per Svoboda che colpisce di testa da buona posizione, Melgrati devia in angolo. Al 74′ verticalizzazione di Sestanti con inserimento di Parigini in area di rigore, Joronen lo anticipa. Il Lecco rimane in 10 al 77′: fallo da ultimo uomo di Celjak su Gytkjaer, il direttore di gara estrae il rosso. Dopo il check del VAR confermato il colore del cartellino. Punizione da pochi passi dal limite per i lagunari: batte Gytkjaer, Melgrati blocca la sfera. Un minuto dopo, da punizione di Tessmann, combinazione Jajalo-Gytkjaer-Pohjanpalo, acrobazia di quest’ultimo con Melgrati che salva la propria porta. All’82’ ancora pericoloso il Venezia: dagli sviluppi di un calcio d’angolo, colpo di testa di Pohjanpalo, tiro a giro di Altare da ottima posizione, Melgrati respinge sulla linea. I lagunari hanno un’altra buona occasione all’89’: lancio lungo di Gytkjaer per Bjarkason, pallone sopra la traversa. Pochi istanti dopo ci prova Olivieri di destro, Melgrati ancora reattivo. 5 i minuti di recupero nella ripresa. Al 91′ altra occasione per gli ospiti: Zampano sul fondo fa partire un tocco per Olivieri, il cui tiro impatta contro l’estremo difensore bluceleste. Al 94′ tentativo del Lecco, con Lepore che lancia in area e Sersanti con un colpo di testa manda sul fondo. Finisce 1-2 Lecco-Venezia FC.

Tabellino

Lecco (4-3-3): Melgrati; Lepore, Celjak, Bianconi, Caporale; Sersanti, Degli Innocenti (70′ Parigini), Ionita (71′ Frigerio); Crociata (82′ Lunetta), Novakovich (75′ Inglese), Buso. A Disposizione: Saracco, Capradossi, Lemmens, Ierardi, Guglielmotti, Galli, Salcedo, Salomaa. All.: Andrea Malgrati.

Venezia FC (3-5-2): Joronen; Idzes, Svoboda, Sverko (46′ Altare); Candela (46′ Zampano), Busio, Tessmann, Andersen (46′ Gytkjaer), Bjarkason; Pohjanpalo (86′ Olivieri), Pierini (66′ Jajalo). A disposizione: Bertinato, Grandi, Ullmann, Dembele, Ellertsson, Lella, Cheryshev. All.: Paolo Vanoli.

Marcatori: 22′ Buso, 58′ Pohjanpalo, 60′ Busio.

Ammoniti: 33′ Pohjanpalo, 68′ Lepore, 85′ Parigini.

Espulso: 77′ Celjak.

Arbitro: Matteo Marcenaro di Genova.

Assistenti: Damiano Marganti di Latina e Thomas Miniutti di Maniago.

Quarto Ufficiale: Fabrizio Ramondino di Palermo.

VAR: Gianpietro Miele di Nola.

AVAR: Luca Pairetto di Nichelino.

Recupero: 5′ st.