Marcato (Lega): “Assegnati quasi 7 milioni di euro per l’efficientamento energetico delle PMI”

Marcato (Lega): “Assegnati quasi 7 milioni di euro per l’efficientamento energetico delle PMI”

- in Le ultime, Regione veneto, Treviso
275
0
Marcato-da-fb

La Regione Veneto a sostegno delle piccole e medie imprese. Con un ulteriore stanziamento di quasi un milione di euro sono state finanziate dalla Regione tutte le richieste di contributo presentate a seguito di un bando per l'efficientamento energetico delle piccole e medie imprese. Lo annuncia l’assessore regionale allo sviluppo economico, ricerca e innovazione Roberto Marcato, a seguito dell’approvazione del relativo provvedimento da parte della giunta veneta.

Con una linea di finanziamento alimentata dai cosiddetti fondi POR FESR 2014-2020, questo bando prevedeva inizialmente 6 milioni di euro a favore delle PMI per ridurre la spesa energetica, l’inquinamento e le emissioni, utilizzando in maniera efficiente le risorse e valorizzando le sempre più indispensabili fonti rinnovabili.

I fondi prevedono infatti una serie di "incentivi finalizzati alla riduzione dei consumi energetici e delle emissioni di gas climalteranti delle imprese e delle aree produttive compresa l'installazione di impianti di produzione di energia da fonte rinnovabile per l'autoconsumo, dando priorità alle tecnologie ad alta efficienza”.

Erano state 75 le domande ammesse, ma l'esborso economico previsto superava l’importo disponibile e le domande finanziabili erano 66. Grazie all'aggiunta di 828.067,65 euro tutte le domande ammesse sono state finanziate.

“Anche questo bando della Regione – commenta l’assessore – ha ottenuto un lusinghiero riscontro da parte del territorio e conferma che stiamo operando in linea con le attese delle aziende. Le iniziative adottate dalla Regione sul fronte dell’efficientamento energetico sono infatti il risultato del costante dialogo con il mondo dell’impresa”.

 

Facebook Comments

You may also like

Un numero di telefono contro il “batterio killer”

Dopo il West Nile Virus, la sanità torna