Sgombero della Polizia Locale di Venezia
Sgombero della Polizia Locale di Venezia

Programma “Oculus”, eseguite quattro bonifiche. All’ex asilo “Sacro Cuore” di Marghera sorprese tre persone.

Nel fine settimana è stato effettuato un nuovo sgombero a Marghera in Piazza Sant’Antonio, all’ex asilo “Sacro Cuore”. All’interno dello stabile sono stati sorpresi tre soggetti, di nazionalità straniera, insediatisi abusivamente.

Le tre persone sono state fotosegnalate e la loro posizione sul territorio dello Stato è ora al vaglio dell’Autorità. Durante l’ispezione all’interno dell’edificio, sviluppato su due piani e composto da numerose stanze, sono stati scoperti alcuni giacigli, oltre a rifiuti di vario genere. La ditta incaricata dalla proprietà ha quindi provveduto alla chiusura di tutti gli accessi.

Dall’inizio dell’anno sono stati effettuati in totale cinque interventi di sgombero all’ex asilo e questa attività ha impedito il proliferare della presenza di soggetti pericolosi per la sicurezza urbana in un punto centrale di Marghera.

La scorsa settimana era stato eseguito un intervento di sgombero in un fabbricato abbandonato sito all’interno di un’area verde in via Ferraris n.14, fronte Pala Expo. All’interno è stata riscontrata la presenza di due giacigli e di vari materiali da bivacco che sono stati recuperati e rimossi.

In precedenza, a seguito delle segnalazioni della cittadinanza, era stato eseguito un intervento in un immobile abbandonato di via Felisati, a Mestre, che aveva consentito di verificare l’insediamento non autorizzato di un cittadino straniero privo di documenti, poi accompagnato al Comando della Polizia locale per le procedure di identificazione. La sua posizione sul territorio dello Stato è al vaglio dell’Autorità. Gli interventi di messa in sicurezza dell’area sono stati programmati per i prossimi giorni.

Un altro sgombero è stato effettuato, sempre nei giorni scorsi, in via Giovanni da Verrazzano, al sottopasso che conduce dall’area cimiteriale verso Santa Maria dei Battuti.

Gli operatori di Polizia locale, intervenuti unitamente a personale Veritas, hanno provveduto alla rimozione di alcuni giacigli e vari materassi, coperte, cuscini, indumenti, valigie e rifiuti vari.

“Prosegue con ottimi risultati l’attività del servizio Oculus su tutto il territorio comunale – commenta l’assessore alla Sicurezza Elisabetta Pesce – Un’attività svolta dal Servizio sicurezza urbana della nostra Polizia locale che svolge una continua attività di monitoraggio, finalizzata ad evitare che siti abbandonati si trasformino in luoghi di degrado. Il mio ringraziamento va anche al personale di Veritas per gli interventi che mirano ad interdire l’accesso di persone disagiate negli immobili e allo stesso tempo a bonificare ambienti che, in seguito al deposito di immondizie ed altri rifiuti, possono creare problemi anche a chi abita nei dintorni”.