Pan: “Bene Intevento su filiera mais”

Pan: “Bene Intevento su filiera mais”

106559499106559499

“Il decreto competitività sulle filiere aggiunge un incentivo in più all’accordo-quadro che produttori, trasformatori e distributori del mais hanno sottoscritto a vantaggio della  qualità e della sicurezza del settore agro-zootecnico”. L’assessore regionale all’Agricoltura, Giuseppe Pan, valuta con soddisfazione i decreti di filiera approvati dalla  Conferenza Stato-Regioni per fronteggiare gli effetti della crisi da Coronavirus.

Il decreto competitività estende il modello contratti di filiera del grano (40 milioni di euro complessivi fino al 2022) anche a mais, legumi e soia con un contributo pari a 100 euro per ettaro coltivato nell’ambito di contratti di filiera. Lo stanziamento previsto ammonta a 11 milioni di euro complessivi per il mais e 9 milioni di euro per legumi e soia. Lo scopo della norma è quello di migliorare l’approvvigionamento di mais da granella (così come per grano, soia, legumi)  di qualità italiano per la filiera zootecnica e stabilizzare i rapporti tra agricoltori e trasformatori.

“I produttori veneti sono artefici del primo accordo quadro di filiera sottoscritto tra Organizzazioni professionali agricole, Consorzi delle denominazioni d’origine, Cooperative agroalimentari,  e Associazioni di categoria degli essicatoi e dei centri di raccolta, per le campagne cerealicole del triennio 2020-22 – sottolinea Pan -  Un patto, adottato per la prima volta e su base volontaria, per controllare i prezzi di acquisto e di vendita del mais da granella, ma soprattutto per tutelare la qualità e la sicurezza della filiera agro-zootecnica. Il granturco è strategico per le filiere agro-zootecniche-alimentari, in particolare per le produzioni Dop. E l’accordo quadro sul mais da granella prevede che tutti i soggetti aderenti utilizzino solo prodotto a origine italiana certificata. Il decreto competitività ora aggiunge un ulteriore vantaggio economico a questa operazione di difesa della filiera agro-alimentare del ‘made in Italy’ sposata dalle imprese venete.  E’ con contratti di secondo livello come questo che si riesce a tutelare la competitività della  nostra filiera e si migliorano anche le capacità di autoapprovvigionamento, così importanti in momenti di crisi come l’attuale”.

Facebook Comments

Leggi anche

La nuova Ordinanza del Presidente Zaia

Ecco in allegato il testo dell'Ordinanza del Presidente