epa06364473 Italian Antonio Fantin competes during the qualifiers of the 400 meters free category S6 men, during the Paralympic World Swimming Championships in Mexico City, Mexico, 02 December 2017. EPA/JOSE MENDEZ

“Grandioso! Il nuoto veneto chiude le Paralimpiadi di Tokyo con 21 medaglie. Oggi un eccezionale Raimondi si è aggiudicato l’argento nei 200 misti SM10. Non pago, insieme ad un altro veneto, Antonio Fantin, ha raggiunto anche il bronzo nella staffetta 4×100 misti. Una messe di allori che sarà ricordata negli annali sportivi”.

Così il Presidente della Regione del Veneto, saluta con entusiasmo le due affermazioni di atleti veneti, avvenute oggi in Giappone, a conclusione delle prove di nuoto di questa Paralimpiade. Su un medagliere complessivo italiano di 39 medaglie, quelle venete sono, infatti, ben 21, così distribuite: 7 per Stefano Raimondi, 5 per Antonio Fantin (con record del mondo nei 100 sl S6), 4 per Xenia Palazzo, 3 per Luigi Beggiato, 2 per Francesco Bettella.

“Il palmares dei nuotatori veneti ha superato le aspettative pur ottimistiche. Gli atleti hanno inanellato una serie di affermazioni che oltre a dimostrare l’eccezionale livello agonistico hanno confermato una superlativa forza di volontà e di capacità nel raggiungimento dei risultati con una serie di prestazioni monstre che ci hanno fatto emozionare e vibrare di orgoglio. Con tutto il cuore: Grazie ragazze e grazie ragazzi!”.