Il municipio di San Donà di Piave (foto di archivio)

Sabato 12 giugno, alla presenza del delegato alla presidenza della federazione Nazionale Rugby, del Sindaco Andrea Cereser, del delegato del Sindaco della Città Metropolitana Saverio Centenaro, degli esponenti di tutte le istituzioni, associazioni e scuole sandonatesi e – naturalmente – dell’associazione Rugby San Donà, verrà inaugurata la “Piazzetta del rugby”, la prima piazza italiana intitolata a questo sport.

A San Donà il rugby è arrivato alla fine degli anni Cinquanta, per iniziativa di un gruppo di amici capitanato da Mario Pacifici e Corrado Teso, iniziando una storia di successo per la squadra, che esordirà ufficialmente nel campionato 1960/61 e due stagioni dopo verrà promossa in serie cadetta approdando alla massima serie al termine del campionato 1975/76. Una permanenza ininterrotta da allora, con la sola battuta d’arresto del 2005, recuperata già nella stagione successiva.

“Intitolare una piazza al rugby significa dare il giusto merito ad una eccellenza della nostra Città che, in termini di attività sportiva, è di assoluto rilievo nazionale. Al tempo stesso significa anche riconoscere il ruolo educativo e formativo dello sport in generale e di questa disciplina in particolare, nel formare cittadini migliori” così il Sindaco Andrea Cereser.

L’occasione verrà disvelate le due installazioni monumentali curate dall’architetto Claudio Giacomel e, inoltre, verrà la tradizionale consegna del “Foulard di Virginia”, riconoscimento voluto dal rettore del Senato accademico Luigino Zecchinel per ricordare la moglie, che tanto ha dato al mondo della palla ovale sandonatese. Nell’occasione, quindi, di ricordare Virginia, si premieranno altre donne che si sono distinte sul territorio; quest’anno grande attenzione sarà data alle donne in prima fila durante l’emergenza sanitaria, oltre all’impegno della componente femminile dell’Amministrazione Comunale.