Approvata la legge per il cicloturismo. Caner “Veneto terra del pedale”

Approvata la legge per il cicloturismo. Caner “Veneto terra del pedale”

- in Le ultime, Regione veneto, Sport
206
0
sile-ciclabile-2

Il Consiglio regionale del Veneto ha approvato ieri la proposta di legge per la promozione del cicloturismo e per l’istituzione del logo “Venice Bike Lands”.

“Il Veneto è terra del pedale per eccellenza, sotto tutti i punti di vista – commenta con soddisfazione l’approvazione della norma l’assessore al turismo, Federico Caner –: per la straordinaria qualità nella produzione di biciclette, per il gran numero di appassionati di ciclismo, per aver sfornato fior fiore di campioni delle due ruote e per la vastissima offerta di percorsi ciclabili, in contesti di ineguagliabile fascino e pregio paesaggistico, in grado di soddisfare la crescente domanda di escursioni e vacanze in sella a una bici. Il cicloturismo è una risorsa di cui già conosciamo le grandi potenzialità ma per la quale i nostri territori hanno ancora un abbondante margine di crescita che, grazie a questa legge ora possiamo utilmente promuovere e sviluppare, mettendo a sistema le iniziative pubbliche e private già avviate, fornendo un’immagine unica e coordinata di questo segmento d’offerta”.

L’assessore Caner segnala che la Giunta regionale dovrà definire prossimamente le dotazioni e i servizi di dovranno dotarsi quanti opereranno nelle diverse attività connesse al cicloturismo, comprese ovviamente le strutture ricettive, individuando i requisiti obbligatori per fregiarsi del marchio “Venice Bike Lands”.

“Un passo avanti per raggiungere, ad esempio, gli obiettivi della destagionalizzazione e della delocalizzazione, come indicato dal Piano Strategico del Turismo di cui ci siamo dotati lo scorso anno – conclude Caner –, puntando al prolungamento della stagionalità classica e all’affermazione di destinazioni nuove ed emergenti. Un’offerta questa che si inserisce, con il trekking e gli itinerari a cavallo, nel segmento del cosiddetto ‘turismo lento’, che assicura una ricaduta economica e occupazionale fino a qualche anno fa inimmaginabile, che acquisisce sempre maggior rilevanza a livello internazionale perché consente di scoprire e soprattutto di vivere, anche attraverso itinerari inconsueti, territori non conosciuti ma assolutamente interessanti e originali per le loro eccellenze enogastronomiche, culturali e artistiche”.

Facebook Comments

Leggi anche

Treviso Siamo Noi: 61 consorziate, nuovi progetti e un futuro roseo (anzi, biancoceleste)

Superava il centinaio di presenti la famiglia Treviso