CIB Unigas, Banca Finint cura l’emissione del minibond

CIB Unigas, Banca Finint cura l’emissione del minibond

- in Economia, Le ultime, Treviso
223
0
Banca Finint

CIB Unigas S.p.A., azienda padovana leader internazionale nella produzione e commercializzazione di bruciatori a basse emissioni inquinanti, ha finalizzato l’emissione del suo primo Minibond da 6,5 milioni di Euro, con cui intende supportare lo sviluppo del Piano Industriale 2020-2027 e, in particolare, il completamento dei lavori di ampliamento degli stabilimenti produttivi di Campodarsego (PD) e la costruzione della nuova sede commerciale e produttiva a Mosca, oltre che al finanziamento del lancio sul mercato di una nuova generazione di prodotti innovativi brevettati a livello globale.

Banca Finint e Veneto Sviluppo hanno assistito CIB Unigas rispettivamente come Arranger e Co-Arranger dell’operazione. Lo studio legale NCTM ha agito in qualità di deal legal counsel.

Il Minibond di CIB Unigas, che ha chiuso il bilancio 2019 con un valore della produzione di circa 35 milioni di Euro e un Ebitda margin del 14%, è stato sottoscritto, oltre che da Banca Finint, dal Fondo Veneto Minibond promosso e gestito dalla Federazione Veneta delle BCC e Veneto Sviluppo S.p.A., Banca IFIS, Banca di Cividale, Mediocredito Trentino Alto Adige, Neafidi, Banca Valsabbina e Banco delle Tre Venezie.

L’operazione, riservata unicamente ad investitori professionali, ha una durata di 7 anni (fino a maggio 2027) con rimborso amortising a partire da maggio 2022 e cedola annua del 3,50%.

I proventi derivanti dall’emissione dei titoli saranno utilizzati dall’azienda padovana per finanziare il Piano Industriale 2020-2027 che prevede un incremento della capacità produttiva  attraverso il completamento dei lavori di ampliamento degli stabilimenti di Campodarsego (PD), funzionali all’assemblaggio della nuova linea produttiva di FACILE, prodotto innovativo brevettato a livello globale e ad altissimo contenuto tecnologico dotato di sistema di trasmissione dati e monitoraggio da remoto, e la costruzione di una nuova sede commerciale e produttiva a Mosca, che includerà uffici, magazzino e unità di assemblaggio.

Fondata nel 1972 da Claudio Pancolini, CIB Unigas S.p.A. ha sede a Campodarsego (PD) ed è specializzata nella progettazione e assemblaggio di bruciatori che garantiscono bassissime emissioni inquinanti. Negli ultimi anni, anche grazie all’affiancamento di FVS SGR (operatore di private equity controllato da Veneto Sviluppo), l’azienda ha completato con successo il processo di ricambio generazionale, che ha portato Filippo e Riccardo Pancolini, figli del fondatore, ai vertici della struttura manageriale.

Presente all’estero con 3 filiali, in Russia, Cina e nel Regno Unito, l’azienda ha una forte vocazione all’export dove oggi si realizza circa il 90% del fatturato. I mercati principali di riferimento sono la Russia e la Cina, che nel 2019 hanno rappresentato circa il 60% delle vendite. La crescita del volume d’affari degli ultimi anni è stata trainata proprio dal mercato cinese, dove il Governo ha messo in campo un significativo piano di riduzione delle emissioni inquinanti attraverso la conversione degli impianti di riscaldamento dal carbone al gas come combustibile. Occasione su cui CIB Unigas ha puntato, grazie al suo approccio green e orientato alla sostenibilità, essendo una delle poche aziende in grado di rispettare le stringenti normative di emissioni inquinanti imposte dal Governo cinese che devono essere inferiori ai 30 mg/kwh di ossidi di azoto.

Facebook Comments

Leggi anche

Mattia Panazzolo nuovo direttore di CNA territoriale Treviso

Mattia Panazzolo, 38 anni, è il nuovo direttore