Fuga di cervelli, il Veneto guida la controtendenza

Fuga di cervelli, il Veneto guida la controtendenza

- in Le ultime, Regione veneto
95
0
image

“Bankitalia fotografa correttamente il tessuto reticolare delle piccole e piccolissime imprese venete – dichiara l’assessore regionale all’istruzione, alla formazione e al lavoro Elena Donazzan replicando all’analisi del neo-vicedirettore della sede di Venezia di Bankitalia che ha richiamato l’attenzione sulla fuga all’estero dei laureati veneti– ma forse trascura che il Veneto è terra di attrazione di tanti investitori proprio per il suo reticolo di imprese fortemente connesse in reti distrettuali come se fosse una holding, senza la rigidità di una governance unica”.

“Il tessuto veneto – spiega - è fatto di  micro ditte ad altissima specializzazione, che sono infatti le migliori fornitrici d’Europa, e di aziende ‘driver’ che, per posizionamento, commesse e ricerca, fanno da capofila dei distretti produttivi. Ecco perché la Regione Veneto, prima in Italia, ha lanciato la ‘borsa della ricerca” ForDoc, punto di incontro tra dottorandi e aziende, che si svolgerà l’1 e 2 ottobre, a Verona”.

“Inoltre, ci interessa favorire lo scambio e la circolarità  di competenze, professionalità eccellenze creative e produttive – prosegue l’assessore – Si cresce aprendoci al mondo, per questo la Regione Veneto ha promosso, prima in Italia, un bando che finanzia, le ‘borse di rientro’, stanziando un milione e mezzo di euro per favorire la ‘circolarità’ dei cervelli e delle professionalità tra Veneto e estero”.

Il prossimo 4 luglio scadranno i termini per imprese, enti pubblici e privati, fondazioni e associazioni per presentare progetti, finanziabili con il Fondo sociale europeo,  che possano invertire la tendenza verso l’estero dei laureati e diplomati veneti e favorire la nascita di nuove idee di sviluppo. Tre le linee di intervento del bando: sostenere processi di innovazione sociale e sviluppo sostenibile e aumentare gli investimenti in ricerca e sviluppo attraverso figure altamente qualificate, che con le competenze acquisite dopo un periodo di permanenza all’estero, possono contribuire allo sviluppo dell’intero sistema socio-economico regionale;  favorire processi di contaminazione da parte di start-up innovative; realizzare progetti innovativi a sostegno dello sviluppo creativo ed artistico del Veneto, attraverso la creazioni di reti che possano coniugare produzione e fruizione creativa ed artistica, con altre funzioni legate al lavoro, al tempo libero, all'inclusione sociale. I progetti potranno prevedere borse di rientro per figure altamente qualificate, eventi in stile hackathon (vere e proprie “maratone creative” per  concretizzare idee/progetti innovativi in campo tecnologico, sociale, culturale e creativo),  eventi di animazione del territorio, e scambi internazionali.

“Il mondo dell’alta formazione deve poter dialogare di più con le imprese, in particolare con le aziende ‘driver’ dei distretti, che più di altre investono nell’innovazione – ha sostenuto l’assessore, a margine dell’iniziativa della fondazione Emblema con il “Comitato per la valorizzazione del dottorato”, costituito da dottori di ricerca  di tutta Italia, intervenuti oggi nella sede dello Iuav di Venezia alla presenza del rettore di Ca Foscari e dei rappresentanti delle università di Padova e Trieste.

“Il dottorato, che rappresenta il training all’attività accademica – ha ribadito -  deve poter trovare connessioni dirette con il mondo delle aziende che innovano e vogliono investire in competenze e professionalità”.

 

Facebook Comments

You may also like

Marmolada. Bottacin “Ci serve autonomia vera”

“Credo che oggi sia una giornata epocale. Siamo